NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Ford Focus SW: dimensioni e prezzi del 2011

Ford Focus SW: dimensioni e prezzi del 2011
da in Auto, Ford, Motori, Station Wagon
Ultimo aggiornamento:

    La Ford Focus è una delle macchine più vendute in Europa da parecchi anni e risulta interessante per il pubblico anche la versione station wagon che coniuga abitabilità e spazio di carico con degli ottimi prezzi.

    Messe in ombra negli ultimi 10 anni dalle monovolume, le sw mantengono il vantaggio di linee più agili e gradevoli e nel caso della Ford Focus SW, di contenuti tecnologici parecchio interessanti e utili sia alla sicurezza che al comfort di guida… e di parcheggio.

    Vediamo cosa ci propone la wagon americana nella sua versione 2011.

    DESIGN
    Il design attualmente in commercio ha poco più di un anno e rientra nel family feeling Ford del Kinetic Design, così come la sua sorella compatta. Rispetto a questa troviamo delle barre integrate sul tetto che lo percorrono per tutta la lunghezza, e un portellone posteriore dotato di chiusura automatica con una fanaleria che di poco si scosta dalla versione compatta.

    DIMENSIONI
    Con i suoi 455 cm di lunghezza la Ford Focus Wagon supera di 20 cm la sorella berlina, mentre la larghezza rimane identica con 182 cm che garantiscono una buona abitabilità. Le dimensioni del bagagliaio sono di 490 litri, qualcuno di meno rispetto alla versione precedente, che però scendono a 476 se anziché il kit di riparazione pneumatici si preferisce avere il più ingombrante ruotino. La capienza di carico a sedili posteriori ribaltati diventa rispettivamente di 1516 e 1502 litri, una dimensione nella media della categoria.

    DOTAZIONI TECNOLOGICHE
    Ma veniamo alle dotazioni tecnologiche della Focus, davvero interessanti, su un settore dove molte marche si stanno concentrando per fornire un’esperienza di guida migliore per i sistemi di sicurezza attiva e di impiego dell’auto nelle situazioni meno agevoli come le partenze in salita o il parcheggio.

    Vediamole nel dettaglio una per una:

    Traffic Sign Recognition (Sistema di riconoscimento automatico dei segnali stradali)
    Una telecamera riconosce la segnaletica posta al lato della strada, i cartelli sopraelevati e i limiti di velocità, riportando l’avviso sul display LCD multifunzione integrato nel cruscotto. Funzione molto utile perché non sempre le condizioni del traffico ci danno la possibilità di prestare attenzione a tutti i cartelli e qualcuno sfugge.

    Active City Stop (Sistema automatico di frenata in città)
    Un sensore laser a raggi infrarossi, che fa parte della telecamera anteriore, monitora costantemente i 12 metri davanti al veicolo, controllando che vi sia sufficente distanza dalla vettura che ci precede. Se la distanza diminuisce improvvisamente (come nel caso di una frenata brusca), il sistema interviene frenando il veicolo automaticamente con tempi di reazione nettamente migliori rispetto a un qualunque conducente. Non solo, se la velocità è inferiore ai 15 km orari, il sistema ferma completamente la macchina e spegne il motore, attivando le luci d’emergenza, che è la cosa migliore da fare per prevenire un tamponamento o quantomeno, se sfortuna vuole, per subirlo con dei pericoli in meno (il motore spento).

    Torque Vectoring Control (Controllo dinamico della trazione)
    Controlla l’aderenza stradale 100 volte al secondo. In base a questo la coppia tra le due ruote anteriori viene ribilanciata per ottimizzare l’aderenza stessa e migliorare il comfort di marcia assorbendo le ondulazioni della strada.

    Lane Departure Warning (Segnalatore di monitoraggio della segnaletica orizzontale)
    Avvisa il conducente con brevi vibrazioni dello sterzo quando la telecamera anteriore si accorge di un’uscita involontaria dalla corsia di marcia.

    Lane Keeping Aid (Sistema di mantenimento della corsia di marcia)
    Se l’avviso di cui abbiamo appena parlato non sortisce una reazione del guidatore, questo sistema Interviene sullo sterzo, riportando il veicolo in carreggiata. Inutile sottolineare come questa funziona possa porre rimedio a colpi di sonno e distrazioni che potrebbero avere conseguenze molto gravi.

    Driver Alert (Sistema di livello di attenzione del conducente)
    Sempre sulla stessa linea viene controllato il livello di attenzione del guidatore. Grazie alla telecamera anteriore, le performance di guida vengono confrontate con quelle degli ultimi 7 minuti. Se l’attenzione del guidatore scende sotto un determinato livello, l’auto emette un segnale di avvertimento.

    BLIS (Sistema di rilevamento veicoli nella zona d’ombra)
    I sensori posizionati nel paraurti posteriore si accorgono della presenza di un veicolo nell’angolo cieco, quello che normalmente non è visibile attraverso gli specchietti standard (e comunque difficilmente controllabili anche con gli specchietti convessi) e segnalano al conducente la presenza del veicolo e quindi il pericolo potenziale in caso di manovre come il cambio di corsia o la svolta.

    Auto High Beam Control (Sistema di abbassamento automatico degli abbaglianti)
    Se siete stanchi di passare continuamente da abbaglianti ad anabbaglianti, con questo sistema potete rilassarvi perché procede di suo al cambio tra i due tipi di fari a seconda che stiamo incrociando un altra macchina o meno.

    Active Park Assist (Sistema di parcheggio semiautomatico)
    Scommettiamo che questa funziona piacerà soprattutto alle donne (essendo un magazine maschile permetteteci un po’ della nostra solita ironia da uomini). Il sistema infatti verifica se c’è uno spazio sufficiente per il parcheggio e poi ti aiuta nella manovra controllando lo sterzo grazie ai sensori a ultrasuoni anteriori e posteriori. Tutto quello che il guidatore deve fare è inserire la retromarcia e agire su freno e acceleratore, mentre l’auto, per l’appunto, controlla il raggio di sterzata fino a operazione conclusa.

    Assistenza alla partenza in salita (HLA)
    Evita che l’auto vada indietro durante le partenze in salita. Quindi il guidatore può lasciare tranquillamente i freni perché ci pensa questa tecnologia a mantenere ferme le ruote, molto utile per chi non ha grande confidenza con la frizione e per chi non è abituato alle partenze in salita soprattutto su superfici sdrucciolevoli.

    Servosterzo elettrico (EPAS)
    Rispetto a un tradizionale servosterzo idraulico, questo elettronicamente assistito consente livelli di grande leggerezza in fase di parcheggio e di grande stabilità ad alte velocità in autostrada. Inoltre, entrando in funzione solo quando è necessario, riduce i consumi dell’auto.

    Sospensioni posteriori indipendenti Control Blade
    Il sistema di sospensioni posteriori Control Blade garantisce più comfort di marcia, una migliore risposta, e un feedback ultra preciso dalla strada, oltre a una guida più silenziosa.

    MOTORIZZAZIONI, PREZZI E ALLESTIMENTI
    Dopo tanta tecnologia, i motori potrebbero sembrare la parte meno interessante, ma anche qui abbiamo dei punti di miglioramento rispetto al passato.

    La Ford Focus Wagon prevede due allestimenti, base e Titanium con prezzi che vanno da 18.500 euro per la Focus Wagon 1.6 a benzina da 105 cavalli, da 19.250 euro per la 1.6 benzina da 125 cavalli fino ai 20.750 euro per le due motorizzazioni top: la 1.6 benzina EcoBoost da 150 cavalli e il turbodiesel 1.6 TDCi da 115 cavalli. Per avere la versione Titanium bisogna aggiungere un sovraprezzo di 750 euro e si ottengono in dotazione le luci posteriori e l’illuminazione interna a led, il climatizzatore automatico bizona, i tergicristalli e i fari automatici, il cruise control (molto comdo in autostrada), il limitatore di velocità, i cerchi in lega da 16 pollici, l’assistenza alla partenza in salita, i fendinebbia anteriori e i tappetini in velluto.

    1178

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AutoFordMotoriStation Wagon
    PIÙ POPOLARI