Ford Atlas Concept, il pickup del futuro al Salone di Detroit [FOTO]

da , il

    Al Salone di Detroit è presente il Ford Atlas Concept, il prototipo con cui la Casa dell’ovale blu cerca di anticipare i futuri pickup. Da noi nella ‘vecchia’ Europa i veicoli commerciali con cassone posteriore continuano a non riscuotere un gran successo, ma in USA le cose vanno esattamente all’opposto e Ford è da 36 anni al top delle vendite del settore. È perfettamente comprensibile, quindi, che al Salone più prestigioso del Nordamerica il colosso dell’automotive abbia deciso di svelare questo interessante studio di stile per reinterpretare il concetto di pickup. Fin dalle prime immagini è però importante cercare di non rimanere colpiti unicamente dalle linee massicce e aggressive. Il lavoro compiuto dai progettisti è stato davvero notevole, con soluzioni tecniche e pratiche molto interessanti.

    Certo, il compito del Ford Atlas Concept è piuttosto complicato: deve infatti anticipare il modello che andrà a sostituire il campione di vendite F-150. Esternamente Ford ha deciso di puntare sul mantenimento di una linea classica, completamente rivista e resa più attuale. L’Atlas è possente, da qualunque angolazione dalla quale lo si guardi, con una mastodontica calandra che sembra pronta ad affrontare qualunque situazione. Ma, come abbiamo anticipato, gli interventi estetici sono insignificanti se confrontati con le soluzioni adottate in fase di progettazione. Questi bestioni a stelle e strisce hanno tipicamente qualche problema nel cercare di contenere i consumi di carburante. Due sono i sistemi introdotti per migliorare l’efficienza: Active Grille e Wheel Shutters. Essi hanno il compito di chiudere una parte delle aperture della griglia anteriore e degli spazi tra le razze dei cerchi in funzione della velocità raggiunta, agendo attivamente sull’aerodinamica e riducendo quindi l’attrito. Inoltre all’anteriore è presente anche uno spoiler attivo che a velocità autostradali si abbassa per aumentare il carico aerodinamico, mentre ad andature inferiori si alza per poter affrontare i terreni più difficili.

    Sotto il cofano c’è un motore della recente gamma EcoBoost, ma non si conoscono ancora i dati riguardanti cilindrata e potenza. Sempre per l’efficienza ci sono anche lo Start&Stop e il sistema di recupero dell’energia in frenata.

    Oltre alle soluzioni votate alla salvaguardia ambientale, sono molto interessanti alcuni accorgimenti pratici per chi i pickup li usa sul serio. Il cassone è stato dotato di nuovi punti di ancoraggio, inoltre è stata inserita una copertura integrata per proteggere il carico. Per facilitare le operazioni di carico e scarico ci sono anche due piccole rampe a scomparsa e un supporto a scomparsa per gli oggetti più voluminosi.

    Nell’abitacolo, moderno ma con i piedi per terra, sono installati dei sedili alleggeriti, mentre i pomelli e i vari comandi sono ideati appositamente per poter essere usati anche indossando dei guanti.