Speciale Natale

Come fare ricorso e contestare una multa, tutti i consigli

Come fare ricorso e contestare una multa, tutti i consigli
da in Auto, Consigli Motori, Motori

    multa1

    Lo Stato italiano stabilisce determinati passaggi da seguire su come fare ricorso e contestare una multa; tutti i consigli del caso sono stati analizzati di seguito nel seguente articolo. Si ricorda comunque che gli iter stabiliti a norma di legge per fare ricorso sono differenti a seconda della tipologia di multa contestata. Può accadere ad ognuno di noi di ricevere una multa che per un motivo o per un altro desideriamo rifiutare; a nessuno infatti fa piacere pagare un verbale soprattutto quando pensa che questa sanzione sia ingiusta. Sono emersi, anche in maniera frequente, alcuni casi in cui l’amministrazione comunale è stata accusata di voler “far cassa” sulle tasche dei contribuenti; per queste e altre particolari casistiche sarà possibile fare ricorso.

    multa velox

    Nel caso di una multa per infrazione del limite di velocità calcolato tramite autovelox esistono due passaggi fondamentali per poter contestare la sanzione. In questo frangente infatti l’autovelox in questione dovrà avere determinate caratteristiche e dovrà per forza di cose essere segnalato. Le apparecchiature di questo tipo devo rispettare valori di omologazione indicati dal Ministero dei Trasporti, tarati e verificati in maniera costante, facilmente riconoscibili anche di notte, ed inoltre appunto opportunamente segnalati. Ogni autovelox deve essere ben visibile e indicato con almeno 400 metri di anticipo nel caso di autostrade, 80 metri in strade urbane, 250 metri in strade extraurbane e 150 metri sulle extraurbane secondarie. Se tutto ciò non avviene è possibile fare ricorso. Attenzione però, le multe sono valide anche senza la prova fotografica.

    ticket

    Per quanto riguarda le sanzioni per ticket scaduto c’è ancora molta confusione tra la maggior parte degli automobilisti. Innanzitutto è bene chiarire che la normativa relativa al parcheggio, all’interno dei centri abitati, è di competenza comunale. Secondo la regolamentazione del 12 maggio 2015, trasmessa dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, quando il nostro ticket risulta scaduto non ci troviamo di fronte ad una reale violazione del Codice della Strada. In questo frangente infatti siamo al cospetto di una inadempienza contrattuale e dobbiamo semplicemente pagare una cifra minima relativa soltanto al credito dovuto. Altre possibili sanzioni in questa casistica sono del tutto inappropriate e possiamo ad ogni modo presentare ricorso.

    multa2

    La stragrande maggioranza degli automobilisti ha preso almeno una volta nella vita una multa per divieto di sosta, una sanzione di questo genere prevede inoltre la perdita di 2 punti dalla patente. Tramite l’approvazione di una recente normativa, potrete presentare ricorso nel caso in cui il vigile non abbia scattato la foto del parcheggio incriminato; in questa circostanza la multa risulterebbe nulla. Attenzione però ogni ricorso deve essere presentato sempre e comunque per giusta causa. Se viene infatti dimostrato che le motivazioni non sono per nulla valide, la contestazione verrà completamente rigettata e saremmo costretti in questo caso a pagare una somma vicina al doppio della precedente sanzione con l’aggiunta delle spese relative al procedimento legale.

    669

    Speciale Natale

    PIÙ POPOLARI