Speciale Natale

Acquistare un auto elettrica: i pro e i contro da sapere

Acquistare un auto elettrica: i pro e i contro da sapere
da in Auto, Motori
Ultimo aggiornamento:
    Acquistare un auto elettrica: i pro e i contro da sapere

    Acquistare un’auto elettrica da parte di una porzione crescente della popolazione migliorerebbe sensibilmente la qualità della vita nelle nostre città, oltre che rappresentare un passo avanti in tema di riduzione dell’inquinamento. Quanti di noi, però, sarebbero disposti a farlo? Proviamo ad analizzare insieme i pro e i contro dell’acquisto di un’auto elettrica in Italia.

    Prima doverosa premessa: non parliamo di auto ibride, già molto diffuse nel nostro Paese come questi modelli rappresentativi del mercato 2016, ma di auto a esclusiva propulsione elettrica, come, per esempio, la Nissan Leaf. I fattori pro più immediatamente rilevabili nell’acquisto di un’auto di questo tipo sono, innanzitutto, costi di rifornimento più contenuti, poiché un “pieno” di corrente elettrica, cioè una ricarica completa delle batterie in dotazione, costa molto meno di un pieno di benzina. Le auto elettriche, poi, sono a emissioni zero, poiché non hanno un motore endotermico tradizionale né tubi di scappamento, quindi circolano liberamente in centri storici, ZTL e durante le cd. “giornate ecologiche”; hanno, inoltre, forti agevolazioni sul bollo auto. Le auto elettriche sono silenziose, mancando di parti che generano rumore, ma, per gli amanti della prestazione pura, consentono al contempo di sfruttare la coppia massima per tutta la marcia, cosa non possibile con i tradizionali motori, i quali hanno un ciclo non costante ma che alterna picchi in salita e discesa. I costi per i tagliandi sono, di conseguenza, irrisori, poiché le operazioni di manutenzione e controllo riguardano solo parti meccaniche diverse dal motore (freni, gomme o trasmissione), mentre le batterie si possono agevolmente sostituire una volta compiuto il chilometraggio massimo consigliato (anche 100.000 km).
    Andare a spasso a bordo dell’archetipo stesso della mobilità ecosostenibile, però, presenta dei contro che sono la causa principale della scarsa diffusione delle auto elettriche nelle città italiane (circa lo 0,1% del mercato). Innanzitutto i costi d’acquisto elevati: un’auto elettrica può costare svariate migliaia di euro in più della propria omologa tradizionale (Nissan Leaf € 24.000,00 contro Nissan Note € 18.000,00) e non vi sono incentivazioni statali efficaci o economicamente vantaggiose.

    Altro pesante svantaggio sono le difficoltà di ricarica delle batterie, svantaggio che ha due facce: da una parte, la cronica carenza di infrastrutture quali le colonnine di ricarica pubbliche, drammaticamente assenti nel Sud e poco capillari nel resto del Paese, a parte le grandi città; dall’altra i tempi lunghi occorrenti alla ricarica stessa, che richiede almeno un’ora presso le apposite colonnine e almeno tutta la notte dalla presa di corrente domestica. Altra dolente nota è la scarsa autonomia di un’auto a motore elettrico, per cui se sfruttante a fondo la tanto decantata coppia massima con continue accelerazioni rischiate di consumare rapidamente la carica delle batterie; lo stesso effetto otterrete se accendete aria condizionata o riscaldamento.
    Troppo pesanti, quindi, i contro per consentirci di acquistare un’auto elettrica in tutta tranquillità e di godercela davvero, almeno allo stato attuale, in Italia. Spiace non poter contribuire fattivamente a ridurre emissioni inquinanti e rumore ed è un vero peccato non poter vedere circolare auto elettriche davvero innovative e divertenti, tecnologiche, multimediali e perfino che possiamo montarci da noi!

    614

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AutoMotori

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI