Saldi 2011: 10 consigli per evitare le truffe

Saldi 2011: 10 consigli per evitare le truffe
da in Abbigliamento Uomo, Moda Uomo
Ultimo aggiornamento:
    Saldi 2011: 10 consigli per evitare le truffe

    Luglio tempo di saldi estivi. La data da segnare sul calendario è quella del 2 luglio 2011, che vedrà la partenza dei saldi in tutta Italia (per una volta non ci saranno gli scaglioni). Come sempre, tutti verremo presi dalla frenesia da shopping selvaggio, per mettere le mani sui capi d’abbigliamento a prezzi vantaggiosi.

    Come ogni volta, però, è bene ricordare che la truffa è sempre dietro l’angolo, e nonostante le norme diramate da Confesercenti, c’è sempre chi cerca di fare il furbo, rifilando roba scadente, fondi di magazzino o peggio ancora truccando i prezzi. Ecco perché è bene ricordare questi 10 consigli per vivere i saldi in tutta tranquillità.

    1) Gli articoli difettosi si possono sostituire: nonostante quel che affermano molti commercianti, la merce che risulta difettosa si può sostituire anche quando sono applicati gli sconti, e anzi è dovere del venditore provvedere. In caso di problemi, il consumatore può rivolgersi alle autorità competenti.

    2) Conservare sempre gli scontrini: proprio perché i capi difettosi possono essere sostituiti, è bene conservare sempre le ricevute degli acquisti, perché in caso contrario è difficile dimostrare dove si sia realmente preso il prodotto.

    3) Diffidare degli sconti eccessivi: se un negozio espone eclatanti cartelli che pubblicizzano sconti superiori al 50% o al massimo 60%, vuol dire che non si tratta di prodotti della collezione primavera estate 2011 ma di fondi di magazzino risalenti agli anni precedenti. Per lo stesso motivo diffidate dei negozi che non espongono i capi in vetrina, ma tappezzano le stesse di cartelli con prezzi eclatanti.

    4) Confrontare i prezzi dei diversi negozi: l’ansia da saldi spesso fa sì che si tenda a comprare il primo prodotto trovato nel primo negozio, per paura di restare a mani asciutte.

    Detto che ormai non si vedono più le scene da isteria di massa di qualche anno fa, c’è più tempo per confrontare i prezzi e i prodotti di diversi negozi, perché è così che si risparmia veramente evitando le truffe.

    5) Rivolgersi ai negozi di fiducia: per evitare di incappare in brutte sorprese, è buona norma rivolgersi ai negozi che già si visitavano prima dell’inizio dei saldi, in modo da poter fare un effettivo confronto tra i prezzi e constatare la presenza in negozio di fondi di magazzino.

    6) Il cartellino della merce deve essere esaustivo: ovvero per ogni prodotto devono essere segnalate tutte le informazioni necessarie ad un confronto. Si tratta del prezzo originale non scontato, della percentuale di sconto applicata e del prezzo finale di vendita.

    7) Il negozio deve accettare tutte le tipologie di carta: se all’esterno dell’esercizio commerciale sono esposti i loghi delle carte accettate normalmente, questo deve accadere anche durante il periodo dei saldi, nonostante molti cerchino di spingere all’utilizzo dei contanti.

    8 ) Attenzione ai prodotti non in saldo: di norma i prodotti in saldo dovrebbero essere separati in maniera evidente da quelli a prezzo pieno per non confondere i clienti, eppure qualcuno ci prova sempre. Occhio quindi ai furboni del caso, e controllate sempre l’etichetta (vedi punto 6).

    9) Attenzione ai capi che non si possono provare: il negoziante può decidere a sua discrezione se far provare o meno i capi, quindi qualora questo non fosse possibile, fate sempre attenzione alle etichette e controllate che le taglie siano riportate correttamente.

    10) In caso di fregatura rivolgersi alle autorità competenti: segnalate ogni problema a un’Associazione Consumatori, all’Ufficio Comunale per il Commercio della vostra città oppure ai Vigili Urbani.

    604

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Abbigliamento UomoModa Uomo Ultimo aggiornamento: Venerdì 03/07/2015 16:54
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI