Le tendenze degli orologi uomo per il 2010-2011

Le tendenze degli orologi uomo per il 2010-2011
da in Moda Uomo, Orologi Uomo

    Gli orologi sono uno degli accessori che più piace mostrare per evidenziare al meglio il nostro stile e il nostro modo di vedere la moda. Negli ultimi il classicismo che ha da sempre caratterizzato questo settore si stà aprendo a nuove strade che portano a orologi con billanti, con doppie casse fino ad arrivare a modelli che sembrano aeroplani. Ecco una carrellata di tutte le nuove idee in fatto di orologi uomo.

    Per i polsi maschili, oggi si predilige il platino, un metallo robusto e costoso ma puro come l’oro. Le pietre preziose, nelle fattispecie i brillanti, dopo aver spopolato sui mercati orientali, pian piano si stanno affacciando anche in Europa, soprattutto sul quadrante. Le tirature in platino e brillanti comunque, destinate ad un pubblico d’èlite a causa del prezzo elevato, raramente superano i cinquanta esemplari.

    I puristi dell’eleganza inorridiscono se vedono un cronografo spuntare dal polsino di una camicia da smoking, ma la maggior parte dei cronodipendenti non vi rinuncia per niente al mondo. L’extrapiatto tornato di moda e meglio se in oro bianco o acciaio, che si rifà al modello del passato, si abbina perfettamente all’eleganza maschile senza creare troppi problemi.

    Trionfano inoltre i modelli che occultano il segnatempo tra le pietre preziose e quelli con forme sempre più libere, simili a fiori e aeroplani. Ad esempio, il Piaget Double Jeu ha due casse sovrapposte: sollevando la prima, dal fondo in vetro zaffiro si scopre che ospita un movimento extrapiatto, in quella inferiore il quadrante di colore contrastante, entrambi a carica manuale.

    Nel Rado Ceramica a indicazione digitale, girandolo, si vede dal fondello in vetro zaffiro il rotore di un movimento automatico. Ci sono inoltre altri elementi sorprendenti, per esempio i quadranti in cui design e tecnica vanno a braccetto.

    La Alfex ha realizzato nel Black Light 5624 un quadrante tridimensionale con indici in vetro zaffiro, sotto ai quali si muovono le lancette.

    L’ultima novità è targata Louis Vuitton con lo Spin Time, un orologio tipo saltarello con dodici assi collegati a cubi con un lato numerato e uno neutro. Un piccolo albero fa ruotare il cubo per un quarto di giro due volte durante la mezza giornata, con rotazione simultanea per l’ora attuale e per quella successiva. Il movimento automatico segna anche un secondo fuso orario.

    Il più bizzarro fra tutti è sicuramente l’ultimo nato in casa MB&F, Thunderbolt che più che un orologio sembra un aeroplano con due reattori: a destra si leggono ore e minuti; a sinistra la riserva di carica. La cassa rettangolare ha una parte trasparente per far vedere il movimento composto da 351 elementi.

    Gli orologi per il volo e i subacquei sono tra i più amati, entrambi risentono del fascino legato al pericolo; quelli subacquei godono di un più lungo periodo d’interesse anche grazie ai viaggi intercontinentali, che ne prolungano l’impiego ormai per tutto l’anno e per le molte scuole sub. Gli orologi da pilota invece, vedono un pubblico assai vasto per il fascino dell’aviazione, ma molto più ristretto se si pensa a un impiego mirato, su un aeroplano.

    L’ultima novità per il cielo è il nuovo accordo della pattuglia acrobatica, la PAN delle Frecce Tricolori siglato Hamilton. Per il 50° anniversario delle Frecce Tricolori è stato presentato L’Hamilton Khaki X-Landing, cronografo automatico GMT che regola l’altitudine di crociera e dopo aver indicato un angolo di discesa standard, nella finestrella a ore tre mostra il numero di miglia nautiche mancanti prima dell’inizio della discesa.

    Modi diversi di leggere il trascorrere del tempo con opere dovute all’ingegno dell’uomo; la vivacità del comparto orologiero, proprio come un pendolo, sembra aver ritrovato speranza e ottimismo.

    620

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Moda UomoOrologi Uomo
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI