Curiosità sullo champagne: quello che devi sapere prima di aprire il portafoglio

Curiosità sullo champagne: quello che devi sapere prima di aprire il portafoglio
da in Food & Drinks, Relax
Ultimo aggiornamento:
    Curiosità sullo champagne: quello che devi sapere prima di aprire il portafoglio

    Questo spumante francese piace a tutti o quasi. Non tutti però sanno che ci sono una serie di curiosità sulla champagne che rendono il suo sapore ancor più ricco di significato. Lo champagne è lo champagne ed è molto più facile a bersi che a dirsi. Se non vi sono, quindi, bastate le curiosità sulla birra o se non vi siete accontentati dei trucchi per riconoscere un buon vino ecco allora delle nuove interessanti rarità che, forse, non si sanno e potranno farvi amare ancor di più lo champagne.

    Da dove viene

    Cartina della Francia zona dello Champagne

    Cartina della Francia zona dello Champagne

    Lo champagne viene prodotto nella regione più a nord della Francia. Una zona che, se non fosse per questo suo gustoso nettare, probabilmente nessuno avrebbe mai preso in considerazione. Il segreto perché solo da queste parti si riesca a fare una bevanda con quelle bollicine e così buona è, probabilmente, dovuto dal clima. Qui piove quando deve piovere, c’è il sole quando deve esserci il sole e fa freddo quando deve far freddo. Le uve dello Champagne ringraziano e come contropartita regalano a tutto il mondo i suo frutti.

    L’etichetta

    L'etichetta dello Champagne

    Etichetta champagne

    E’ il segreto per iniziare a capirci. Leggere l’etichetta è infatti fondamentale per comprendere se tra le mani si abbia uno champagne degno di nota. La prima cosa, ovviamente, è vedere la provenienza. Molte bottiglie sono false, vengono magari sempre dalla Francia ma non dalla regione dello Champagne. Altro aspetto da notare è vedere se c’è scritto “Brut”, quando lo si vuole secco, e “Demi sec” quando lo si voglia invece dolce.

    Solo pochi sono invecchiati

    Bottiglia champagne invecchiata

    Bottiglia di Chamapagne

    Non è vero che tutti gli champagne sono invecchiati e provengono da cantine decennali. Solo il 10% della produzione mondiale può, infatti, essere considerato invecchiato. Il resto è, tendenzialmente, dello stesso anno di quando si stappa o, in alcuni casi, è un mix di diverse uve con la più alta percentuale relativa a quelle dell’anno scritto sull’etichetta. Quelli invecchiati sono rari e, per questa ragione, costano cari!

    Come si beve

    Secchiello champagne

    Secchiello champagne

    Quando si porta lo champagne a casa di qualcuno per berlo la sera stessa si dovrà riempire un secchiello per un terzo con del ghiaccio e 2 terzi con acqua, si lascerà la bottiglia li dentro per almeno 20 minuti. La luce danneggia lo champagne. Sicuramente quella del frigo no, ma quella del sole sì. Se non si possiede un frigo da vino e si ha una bottiglia di champagne che si deve mantenere a lungo (anche 1 anno) bisogna cercare il luogo più buoio della casa e dove non ci siano sbalzi di temperatura.

    Il bicchiere

    bicchiere champagne

    bicchiere champagne

    Lo champagne andrebbe servito in bicchieri da champagne, ma se non si possiedono andranno bene quelli da vino bianco. L’importante è che siano calici a stelo così non si scalderà con la mano.

    Il peggior champagne è il miglior vino frizzante

    Uva champagne

    Uva champagne

    La peggior bottiglia di champagne che comprerai sarà comunque più buona del miglior vino frizzante che troverai nel mercato. Fuori dalla regione dello Champagne le regole non esistono più. Ad esempio se vuoi produrre vino in Argentina potrai usare le uve che vuoi e la quantità di CO2. L’importante è che paghi le tasse e, soprattutto, le uve di questa zona non si trovano in nessuna altre parte del mondo

    Ci si mangia tutto

    Ostriche e champagne

    Non è vero, infatti, che lo champagne sta bene solo con le ostriche o caviale. I migliori enogastronomi del mondo affermano che con quelle bollicine è un piacere mangiare ogni cosa: verdura, sushi, frutta, pop corn e perfino pollo fritto. Lo champagne è versatile ed è sempre un piacere. Quindi, a questo punto, non resta che berlo!

    972

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Food & DrinksRelax
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI