Vincitori dei Golden Globe 2013: Ben Affleck batte Steven Spielberg [FOTO & VIDEO]

da , il

    Cerimonia con sorpresa ai Golden Globe 2013: tutti avevano preventivato il trionfo di Steven Spielberg, forte della cascata di nomination ai prossimi premi Oscar, e invece dal nulla (ma neanche tanto) ecco arrivare Ben Affleck con Argo, che batte Lincoln nelle due categorie più pesanti, miglior film drammatico e migliore regista. Se i globi si confermeranno termometro per capire cosa accadrà alla cerimonia degli Oscar, pare proprio che il 24 febbraio ne vedremo delle belle.

    Ben Affleck come attore non è mai stato considerato dall’Academy ma, come regista, si sta prendendo le sue rivincite, anche perché è stato in grado di reinventarsi in un ruolo da autore impegnato. Come dimostra proprio Argo, storia della liberazione di un piccolo gruppo di persone nascoste a Teheran, durante la ben nota vicenda degli ostaggi all’ambasciata degli Stati Uniti. Un film che ha convinto pubblico e critica e che potrebbe dire la sua anche agli Oscar 2013. Lincoln deve accontentarsi peraltro di un solo premio, quello dovuto e meritato per Daniel Day-Lewis nei panni del protagonista.

    Qualche soddisfazione in più per Quentin Tarantino che, ignorato come regista alle nomination per gli Oscar, vince con Django Unchained il premio per il migliore attore non protagonista drammatico (Christoph Waltz) e quello per la migliore sceneggiatura originale. Zero Dark Thirty di Kathryn Bigelow, discusso film sul blitz che ha portato all’uccisione di Osama Bin Laden, vince il premio per la migliore attrice drammatica, la bellissima Jessica Chastain.

    Nel reparto commedie tutto come preventivato, con il trionfo di Les Miserables di Tom Hooper, tratto dall’adattamento teatrale del romanzo di Victor Hugo, che porta a casa i premi per migliore film commedia o musical, migliore attore protagonista (Hugh Jackman), migliore attrice non protagonista (Anne Hathaway). Per il Golden Globe di migliore attrice protagonista registriamo l’ennesimo riconoscimento a Jennifer Lawrence, diventata vero e proprio idolo dei critici americani e premiata per Il lato positivo (per il quale è anche candidata all’Oscar).

    Chiudiamo con il miglior film straniero, ovvero l’atteso e annunciato Amour dell’austriaco Michael Haneke, peraltro candidato anche a cinque premi Oscar, e con la migliore canzone originale, con la popstar Adele a regalare un po’ di lustro all’ultimo 007 grazie a Skyfall, hit da classifica tratta dalla colonna sonora dell’omonimo film di James Bond.