Sunset Park di Paul Auster

da , il

    Sunset Park di Paul Auster

    Ad un anno di distanza da Invisibile, arriva in Italia il nuovo romanzo di uno degli autori cult per eccellenza, ovvero Paul Auster. La nuova opera si chiama Sunset Park, ed è un’appassionante esplorazione dei concetti di appartenenza, identità e casa, nello stile tipico dello scrittore americano.

    Ancora una volta, come nella trilogia di New York, composta da Città di vetro, Fantasmi e La Stanza Chiusa, la Grande Mela rappresenta un centro nevralgico per le storie di Auster. Eppure la vicenda si apre in Florida, dove vive Miles, 28 anni, passione per il baseball e i libri e un lavoro molto particolare: fotografare per conto di una società immobiliare gli oggetti che si trovano nelle case abbandonate, lasciati dagli inquilini. Un lavoro che soddisfa la sua passione per il mistero, e che si unisce alla sua seconda grande passione, la sua ragazza Pilar, di origini cubane.

    Pilar è ancora minorenne, e vive con le sorelle più grandi, quindi quando Milers vuole portarla a vivere con sé deve chiedere il permesso proprio alle sorelle. Riesce ad ottenerlo corrompendo la più grande, che però dopo qualche tempo inizia a ricattarlo. Allora Milers decide di cambiare aria finché Pilar non sarà diventata maggiorenne, e torna così nella sua natia New York, riallacciando i contatti con tre suoi amici d’infanzia che vivono a Brooklyn, dalle parti di Sunset Park.

    Il ritorno a New York non sarà però semplice per Miles, che sarà costretto a fare i conti con il suo passato, i motivi che l’hanno spinto ad abbandonare la città e soprattutto chiarire una volta per tutte i motivi che hanno portato alla morte di suo fratello Bobby, risanando una ferita per lungo tempo trascurata. Paul Auster, forte della sua esperienza al cinema come sceneggiatore e anche regista (Lulu on the bridge) ci racconta una storia molto cinematografica, e attraverso il percorso di Miles mette in scena l’assenza di certezze e la difficoltà di avvertire una speranza nel futuro.

    La domanda di fondo del racconto è “cosa possiamo considerare come casa al giorno d’oggi?”, e l’incerta risposta è riproposta attraverso le descrizioni di una New York che mai come ora si presta a metafora perfetta del dubbio. Sunset Park è un’ottima occasione per avvicinarsi ad un autore davvero molto interessante, ed è edito da Einaudi al prezzo di € 19,50.