Source Code: trailer italiano del thriller

Source Code: trailer italiano del thriller
da in Cinema, Spettacoli

    Non posso nascondere che quando vedo in programmazione film del genere provo sempre un evidente sollievo, che mi rassicura sullo stato di salute del cinema. Source Code appartiene a quella (sempre più ristretta) schiera di film pensanti, che hanno un’idea alla base e non puntano tutto su attori o effetti speciali.

    Sia chiaro, in Source Code sono ben presenti anche questi ultimi due elementi: il cast presenta nomi davvero interessanti, come Jake Gyllenhaal e le belle Michelle Monaghan e Vera Farmiga, e gli effetti speciali sono parte integrante della storia. Dietro tutto, però, si avverte la presenza di un cervello.

    La trama del film diretto da Duncan Jones, già autore dello splendido Moon nel 2009, ricorda un mix ben riuscito tra la struttura di Inception e la tematica di fondo di Ricomincio da Capo (la commedia con Bill Murray). Alla fine ne esce un thriller appassionante e con le carte in regola per stupire.

    Jake Gyllenhaal veste i panni del capitano capitano Colter Stevens, veterano della guerra in Afghanistan, coinvolto nel progetto Source Code, portato avanti da una misteriosa agenzia governativa americana. Attraverso un complesso congegno, Source Code consente di rivivere i minuti che precedono una tragedia.

    I minuti a disposizione per Colter sono otto, non uno di più, e lo scopo per cui è mandato sul luogo della tragedia (nello specifico un treno dove si è svolto un attentato) è sventare possibili successivi attentati trovando e riconoscendo l’uomo che ne è la causa.

    Il tempo è poco, e quindi il capitano sarà costretto a tornare più e più volte su quel treno maledetto, dove conoscerà una delle vittime, Christina. Un gioco ad incastro che sconvolgerà la mente di Colter, e che lo costringerà a prendere decisioni fondamentali per la sua vita e quella del mondo intero. Source Code (in uscita oggi 29 aprile 2011) è un film in cui l’azione e l’adrenalina non sono fini a se stessi, ma un mezzo per raccontare una storia, per raccontare un uomo.

    350

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CinemaSpettacoli
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI