Short Skin, citazioni cult dal film di Duccio Chiarini

Short Skin, citazioni cult dal film di Duccio Chiarini
da in Cinema, Spettacoli
Ultimo aggiornamento:
    Short Skin – I dolori del giovane Edo

    Short Skin – I dolori del giovane Edo è il lungometraggio d’esordio di Duccio Chiarini, in uscita al cinema dal 23 aprile. Ci siamo divertiti a selezionare alcune delle più belle citazioni tratte dal film, frasi cult che rendono la pellicola un vero e proprio racconto generazionale. Il film narra la storia del 17enne Edoardo che soffre di una malformazione al prepuzio, dettaglio certamente non irrilevante nella vita di un adolescente che in questa particolare stagione della vita si sente costantemente messo alla prova a proposito di prestazioni amorose, ed è in qualche modo in balìa della naturale tempesta ormonale che lo porta a pensare sempre e solo a una cosa, “quella” cosa.
    Il film tratta un argomento serio in maniera divertente e mai banale, restituendo la sensazione di malinconia che spesso accompagna il periodo in cui “si diventa grandi” e ci si sente inadeguati, diversi, inferiori.
    Di seguito, ecco una raccolta di frasi da Short Skin, citazioni per scoprire cosa si dicono i protagonisti del film, quando tutti attorno a loro – almeno così sembra – sono fissati a parlare sempre e solo di sesso…

    Per approfondire:
    - Short Skin, il sito ufficiale
    Le opinioni di chi ha visto l’anteprima

    Arturo rivolto a Edo
    “Se non si tromba prima della fine dell’estate siamo due sfigati”.

    (Sulla spiaggia)
    Arturo: “Andiamo a prendere due polpi”
    Edo: “Per far cosa?”
    Arturo: “Trombarseli, è la cosa più simile alla topa che esista! Secondo te perché in Inghilterra si dice Octopussy?”

    (Il dilemma dell’amico)
    Arturo: “Meglio farsi le seghe gratis o trombare pagando?”

    (Edo si interroga sulla possibilità di affidarsi a una professionista)
    Arturo: “Ti dà una mano, dolori, eiaculazioni precoci, blocchi mentali…”
    Edo: “Dolori?”
    Arturo: “Dolori sì! Trombà con una troia è come tirare una salsiccia in un vicolo”.

    (Pagare una prostituta?)
    Edo: “Vabbè, però volendo posso farmi fare una sega e basta”
    Arturo: “Ma sei scemo? Una sega a 150 euro te la faccio io!”

    (I semi di zucca, il segreto dei latin lover)
    Arturo: “Ti fanno venì di più”
    Edo: “Ma che me ne frega!?”
    Arturo: “Ma gliene frega a lei! Che discorsi fai? E’ una dimostrazione d’amore!”

    (Una ragazza incontrata per caso)
    Lei: “Non ti fidi?”
    Edo: “No, è che ci siamo appena conosciuti”.

    (A proposito di paure e timori)
    Edo: “Vorrei mettere la testa fuori dal finestrino, ma ho sempre paura di una galleria, un palo…”
    Bianca: “E quindi non lo fai? Però io lo voglio fare…”

    shortskin_locandina2

    501

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CinemaSpettacoli Ultimo aggiornamento: Martedì 21/04/2015 10:17
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI