Red Hot Chili Peppers, Monarchy of Roses: video ufficiale

Red Hot Chili Peppers, Monarchy of Roses: video ufficiale
da in Musica, Spettacoli
Ultimo aggiornamento:

    Singolo nuovo di zecca per i Red Hot Chili Peppers, orfani di John Frusciante ma freschi di un album che ad ormai tre mesi dall’uscita sta continuando a racimolare ottimi riscontri di critica e vendite. Questo in poche parole il senso dell’articolo di presentazione di Monarchy of Roses, il singolo di cui sopra.

    La band californiana sembra aver assimilato nel migliore dei modi il secondo addio del chitarrista storico, sostituito per l’occasione in line-up da Josh Klinghoffer. Se nel primo singolo tratto dall’album I’m with you, dal titolo chilometrico The Adventures of Raindance Maggie, si sentiva tutta la voglia di tornare al sound del bestseller Californication, il nuovo singolo appare decisamente più fresco.

    Niente di rivoluzionario, sia ben chiaro, anche perché ormai i Red Hot Chili Peppers non hanno davvero nulla più da dimostrare.

    Monarchy of Roses però si fa apprezzare per l’ottimo lavoro di chitarra e basso e per una struttura funky che riporta indietro nel tempo fino ai tempi d’oro di Blood Sugar Sex Magik.

    Non solo ottima musica, comunque, perché ancora una volta la band costruisce intorno al brano un video curato fin nei minimi dettagli, affidato questa volta al regista Marc Klasfeld e dichiaratamente ispirato alle opere dell’artista Raymond Pettibon, personaggio provocatorio molto in voga tra la fine degli anni ’70 ed inizio ’80.

    Ulteriore curiosità del video è il look di Anthony Kiedis, che si presenta in una veste inedita con capello corto a scalare (ma le parole non rendono bene l’idea) e baffetto d’ordinanza. Niente da dire, questa volta: Monarchy of Roses ci ha fatto ricredere dopo la mezza delusione del primo singolo, e allora non ci resta che goderci il video ufficiale del brano.

    334

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MusicaSpettacoli
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI