Radiohead, due brani inediti dal passato su YouTube: video

da , il

    Quello dei Radiohead è uno dei nomi più caldi del momento in ambito musicale. Non abbiamo ancora avuto il tempo di assimilare la notizia delle quattro date del tour italiano nel 2012, che ecco arrivare un’altra lieta novella per tutti gli amanti della band di dell’Oxfordshire. Su YouTube sono infatti comparsi due brani inediti dal passato.

    Si tratta proprio di musica dal passato remoto dei Radiohead, un ritorno al 1986 quando il gruppo si chiamava ancora On a Friday ed iniziava a muovere i primi passi tra cassette demo e serate in sala prove. Il nucleo della band era già quello che conosciamo oggi, escluso Jonny Greenwood, che ancora doveva raggiungere il fratello maggiore Colin ed entrare nel gruppo come tastierista prima e chitarra solista poi.

    Erano i tempi in cui si incontravano Thom Yorke e Colin Greenwood, compagni di scuola alla Abingdon School di Oxford, istituto privato per soli maschi frequentata da comunque da tutti i futuri membri del gruppo. I brani in questione si intitolano A Girl (In the Purple Dress) e Everybody Knows.

    Le due canzoni inedite provengono dal primo demo degli On a Friday, e sono finite su YouTube grazie alla moglie di un vecchio compagno di scuola di Thom Yorke e soci, che aveva pensato bene (grande lungimiranza) di conservare gelosamente la prima testimonianza di quella che diventerà una delle rock band più importanti di sempre.

    Le canzoni sono piuttosto diverse da quel che poi la band diventerà di lì a poco, con il primo singolo Creep e l’album di debutto Pablo Honey nel 1993. La voce di Yorke è già riconoscibile, anche se in generale sembra volersi rifare ancora un po’ troppo a Bono Vox. L’influenza degli U2 peraltro è piuttosto evidente, e la vera nota lieta è la presenza di un sassofonista che arricchisce in maniera intelligente la struttura sonora.

    Un bel cimelio direttamente dagli albori dei Radiohead, che farà la gioia di quanti si stanno affollando per comprare i biglietti per le date italiane (ricordiamo le tappe: Roma, Firenze, Bologna e Udine) e anche di quanti per un motivo o per un altro non potranno presenziare ad uno dei concerti cult del 2012.