NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Notte di sangue a Coyote Crossing di Victor Gischler

Notte di sangue a Coyote Crossing di Victor Gischler
da in Libri, Spettacoli
    Notte di sangue a Coyote Crossing di Victor Gischler

    Victor Gischler è uno di quegli autori che un vero amante del noir non può davvero farsi sfuggire. Il suo campo d’elezione è l’hard boiled, quella branca del giallo estrema e disincantata che trova le sue radici in Raymond Chandler. In più, Gischler infonde nei suoi romanzi una sana dose di ironia che lo trasforma in una sorta di Quentin Tarantino della letteratura.

    Notte di sangue a Coyote Crossing è il suo ultimo romanzo, finito nel 2010 e appena approdato in Italia grazie alla casa editrice Meridiano Zero, che ha sempre avuto un occhio di riguardo per questo autore, avendo in catalogo anche gli strepitosi La gabbia delle scimmie e Anche i poeti uccidono.

    La scrittura di Victor Gischler appassiona fin dalla prima pagina per la capacità di immergere nelle vicende (anche le più assurde) e di tratteggiare personaggi memorabili, che sia per il loro coraggio o per la loro stupidità. Non a caso è molto corteggiato anche da Hollywood, con cui sta finalmente flirtando.

    Nel 2012 dovrebbe infatti uscire il film Pulp Boy, di cui ha scritto la sceneggiatura. E lui di sceneggiature se ne intende, soprattutto di fumetti, essendo uno degli autori di punta della Marvel, per cui ha realizzato alcune storie di Punisher e il memorabile Deadpool: in viaggio con la testa. Anche lì umorismo, cinismo e violenza la facevano da padroni.

    Gischler è stato spesso paragonato oltre che a Tarantino, anche a Joe Lansdale, altro autore di culto. L’approccio alla materia è simile, ma se possibile Gischler è anche più estremo: Lansdale è più scanzonato, lui più violento. Notte di sangue a Coyote Crossing è un esempio perfetto. La trama strizza l’occhio al western, altro genere che unisce sotto la sua influenza i tre autori appena citati.

    In mezzo allo sconfinato nulla dell’Oklahoma, nella contea di Coyote Crossing, gli abitanti dormono sonni tranquilli, o almeno così credeva il giovane aiuto sceriffo Toby Sawyer, prima di quella notte. I Jordan sono piombati in città, assetati di vendetta per l’omicidio del fratello Luke, ma il cadavere è scomparso e tutti sembrano avere troppe cose da nascondere per raccontare la verità.

    Toby deve ritrovare il corpo prima dell’alba, e scoprirà ben presto di non essere il solo a cercarlo: tre killer chicanos gli distruggono il trailer a raffiche di mitra, e lui fa appena in tempo a fuggire con il figlio in braccio, sotto una pioggia di proiettili. Nello spazio di una notte, senza potersi fidare di nessuno, uomo o donna, amico o collega, il giovane Toby diventerà uomo, scoperchiando segreti pericolosi che lo costringeranno a combattere contro il cuore marcio di un’intera città e a scontrarsi con i Jordan in un’ultima sfida che profuma di O.K. Corral.

    Una frenetica corsa contro il tempo tra esplosioni, incendi e inseguimenti mortali. Si tratta di un romanzo che si divora in pochissimo tempo, di quelli che una volta dentro non vuoi più uscire. Victor Gischler è senza dubbio un autore meritevole d’attenzione, molto più che scrittori di gialli blasonati ma ormai alla frutta. Notte di sangue a Coyote Crossing è edito da Meridiano Zero a € 14,00.

    531

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN LibriSpettacoli
    PIÙ POPOLARI