NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Niente da dichiarare, trailer della commedia francese

Niente da dichiarare, trailer della commedia francese
da in Cinema, Spettacoli

    A volte la pubblicità di un film riesce a rendere le cose più difficili di quel che sono: Niente da dichiarare, ad esempio, viene presentato con la mirabolante descrizione di nuovo film “del regista francese di Giù al Nord che ha ispirato il remake italiano Benvenuti al Sud”. Il regista in questione è Dany Boon, e il riferimento alla precedente opera non è casuale.

    Sembra quasi di trovarsi in una versione estesa della vicenda di Giù al Nord: questa volta infatti i conflitti culturali non avvengono tra gente del nord e gente del sud, ma tra vicini di casa divisi dalla barriera invisibile dei confini territoriali. Roba che già Totò e Fernandel avevano proposto negli anni ’60.

    Niente da dichiarare prende le mosse nel 1986, proprio nel momento storico in cui veniva annunciata l’eliminazione delle frontiere che dividevano i Paesi europei, facendo dell’Europa un’unica grande entità territoriale ed economica (almeno sulla carta). Questo avvenimento diventa spunto per una divertente commedia sugli stereotipi.

    Proprio come Giù al Nord, e sembra proprio che il regista ormai si sia affezionato alla tematica della lotta di stereotipi. Qui vediamo protagonista Ruben Vandevoorde, un doganiere belga severo animato da un fervido odio anti-francese, che vive con sincera disperazione l’annuncio della chiusura delle frontiere europee.

    Quando poi, sette anni dopo, la definitiva cancellazione delle dogane sta per diventare realtà sul confine fra Francia e Belgio, Ruben trascorre le ultime ore di vita della frontiera dando sfogo a tutto il suo spirito nazionalista e tormentando i frontalieri francesi. Dall’altra parte del confine, comunque, non se ne stanno con le mani in mano.

    I doganieri francesi odiano a loro volta Vandevoorde, e in modo particolare dovrà farci i conti il mite poliziotto Mathias Ducatel, innamorato di sua sorella e determinato a sposarla. I due dovranno fare squadra quando viene costituita una pattuglia comune per debellare un traffico di droga. Equivoci e fraintendimenti culturali e linguistici sono solo all’inizio.

    Niente da dichiarare reitera uno schema già conosciuto, sperando di reiterare anche il successo di Giù al Nord. Noi, dal canto nostro, siamo pronti per l’annuncio di un remake italiano, magari sfruttando il rinnovato astio degli svizzeri nei confronti dei frontalieri italiani. La commedia di Dany Boon esce nelle sale italiane il 23 settembre 2011, e le risate sono assicurate, come dimostra il trailer.

    426

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CinemaSpettacoli
    PIÙ POPOLARI