M.I.A. – Bring The Noize segna il provocatorio ritorno della cantante [VIDEO]

M.I.A. – Bring The Noize segna il provocatorio ritorno della cantante [VIDEO]
da in Musica, Spettacoli

    Dopo tre anni di lunga attesa è arrivato finalmente il momento di salutare il ritorno di M.I.A. (in Italia conosciuta anche come MIA) che, con il singolo Bring The Noize, mette subito le cose in chiaro: i continui rinvii del nuovo album non erano dovuti a una scarsa ispirazione. D’altra parte non stiamo certo parlando dell’ultima arrivata visto che l’artista londinese originaria dello Sri Lanka (vero nome Mathangi “Maya” Arulpragasam) può già vantare oltre 10 anni di attività e tre album in studio dall’enorme successo. Il mix non cambia, almeno a sentire le note ipnotiche di Bring The Noize: hip hop, dance, elettronica, funky e reggae. Una miscela pronta a esplodere in radio e sulla pista da ballo.

    Facciamo un passo indietro e inquadriamo il personaggio: Maya è figlia di un attivista Tamil, è nata a Londra ma ha vissuto una parte dell’infanzia nelle turbolenze civili e militari dello Sri Lanka. Tutte queste influenze entreranno a far parte della sua vena artistica, che si esprime all’inizio come videomaker. E’ proprio in questa veste che conosce le Elastica e si avvicina alla musica da predestinata, visto che il suo primo album Arular del 2005 viene eletto da Rolling Stone e Time Magazine uno dei migliori album dell’annata.

    Da quel momento Maya si trasforma in M.I.A., che signifca Missing in Acton ed è un acronimo tra il celebre ‘missing in action’ del linguaggio militare e il sobborgo londinese di Acton.

    Critica e pubblico sono concordi nel ritenere che questa ragazza classe 1975 abbia una marcia in più rispetto alla distinta concorrenza, e infatti la magia si ripete anche con il secondo album Kala, che arriva in vetta a tutte le classifiche di vendita e viene considerato all’unanimità uno dei prodotti musicali più belli partoriti nel 2007. M.I.A., però, non è certo ragazza da cullarsi sugli allori, e nel 2010 da alle stampe il terzo lavoro della sua carriera, intitolato Maya anche se con le sue radici ha ben poco a che fare: si tratta di un salto nel vuoto condito dal sapore dell’elettronica, a discapito delle sonorità soul e R&B. Alla critica questa mutazione non piace molto, ma intanto per lei si aprono nuovi mercati, nonostante le numerose censure su Internet (YouTube su tutti) a causa della natura politica ed esplicita dei suoi testi (il singolo Born Free, ad esempio, che parla della guerra civile irlandese).

    Personaggio da prendere con le molle, dunque, come hanno ben capito gli americani quando, durante la sua esibizione al Super Bowl 2012, M.I.A. ha mostrato il dito medio alla telecamera in diretta nazionale, scatenando polemiche a non finire. Una caduta di stile, certo, ma quando si chiude in studio è artista di altissimo profilo, come dimostra il nuovo singolo Bring The Noize, che anticipa il tanto atteso quarto album Matangi, che dovrebbe riassumere tutte le influenze di M.I.A. e che è già stato rimandato due volte. L’autunno 2013 dovrebbe essere la volta buona per assistere al ritorno in grande stile di un’artista al vetriolo paladina dei ritmi ipnotici.

    522

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MusicaSpettacoli
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI