L’ombra del sicomoro di John Grisham: il ritorno del maestro del giallo

L’ombra del sicomoro di John Grisham: il ritorno del maestro del giallo
da in Libri, Spettacoli
    L’ombra del sicomoro di John Grisham: il ritorno del maestro del giallo

    John Grisham raddoppia e, dopo L’ex avvocato, pubblica un secondo romanzo nel 2013. Si intitola L’ombra del sicomoro (Sycamore Row) e negli Stati Uniti domina le classifiche di vendita fin dal suo esordio sugli scaffali. Il clamore è giustificato, non solo perché stiamo parlando di uno dei maestri indiscussi del giallo giudiziario, ma anche perché L’ombra del sicomoro ci riporta alle ambientazioni e alle atmosfere del suo primo romanzo Il momento di uccidere. Un salto indietro di 25 anni che ci regala un avvocato Jake Brigance in piena forma, pronto ad affrontare un caso decisamente scottante.

    Il momento di uccidere (che nel 1996 è diventato anche un film diretto da Joel Schumacher) era ambientato nella Ford County del Mississippi negli anni ’80. Tempo e luogo che ritornano anche per L’ombra del sicomoro, ennesima prova di forza di un autore che ci ha regalato, nel corso degli ultimi 20 anni, capolavori del thriller come Il socio, Il rapporto Pelican, Il cliente e L’uomo della pioggia. Davvero John Grisham non ha bisogno di presentazioni e, nonostante il passare degli anni, mostra ancora una vena creativa invidiabile. Leggendo i suoi libri non si ha mai la sensazione di ‘riciclo’ di vecchie idee. A maggior ragione quando torna sul luogo del delitto, come nel caso di L’ombra del sicomoro.

    La trama prende le mosse da Clanton, Ford County, nel 1988. Seth Hubbard è un uomo molto ricco che sta morendo di cancro ai polmoni. Ha due ex mogli, due figli con cui non ha rapporti e un fratello sparito nel nulla da moltissimi anni.

    Ma soprattutto ha molti segreti, che decide di affidare a un testamento scritto il giorno prima di impiccarsi a un sicomoro. Dall’eredità viene esclusa la famiglia e tutti i beni vengono lasciati a Lettie, l’ignara domestica di colore che lo ha assistito prima e durante la malattia. Il testamento viene spedito all’avvocato Jake Brigance, che si ritrova così per le mani un caso davvero scottante. Le domande senza risposta sono molte, a partire proprio dalla decisione di lasciare le sue fortune alla donna di servizio.

    Lungo le 540 pagine del romanzo vivremo in prima persona la drammatica controversia tra coloro che si considerano i legittimi eredi, Lettie e un’intera comunità segnata da pregiudizi e tensioni mai sopite. Il tema del razzismo è il filo rosso che collega L’ombra del sicomoro a Il momento di uccidere, ma la vicenda nasconde anche altri motivi di interesse, dall’avidità alle ingiustizie sociali. Un romanzo che colpisce, come dimostrano le provocatorie interviste di John Grisham (“siamo tutti razzisti”, ha confessato di recente) e i dati di vendita entusiasmanti (sta vendendo più di Clive Cussler e Stephen King, per dirne due). L’ombra del sicomoro, disponibile dal 3 dicembre, è edito da Mondadori al prezzo di 20 euro (disponibile in ebook a 9,99 euro).

    493

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN LibriSpettacoli
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI