La madre, video e curiosità sull’horror con Jessica Chastain

La madre, video e curiosità sull’horror con Jessica Chastain
da in Cinema, Spettacoli

    Esce oggi al cinema La madre (Mama), film horror che vede protagoniste due bambine. Vi suona già sentito? Cinema horror e bambine sono sempre stati un binomio vincente, perché uniscono l’innocenza alla seduzione del male fin da quando L’Esorcista ha mostrato per la prima volta gli effetti del demonio su un’anima candida e pura. Detta così La madre potrebbe sembrare l’ennesimo prodotto che si inserisce nel filone dei vari The Ring, The Grudge, Dark Water e così via, ma in realtà presenta alcune caratteristiche che lo rendono davvero appetibile per tutti i fan del genere, a partire dal nome della protagonista: Jessica Chastain.

    La rossa attrice è diventata negli ultimi anni una vera e propria musa del cinema ‘inconsueto’. Tanto per citare qualche titolo, ricordiamo The tree of Life di Terrence Malick, il bellissimo The Help di Tate Taylor, Wilde Salome diretto da Al Pacino, Lawless sceneggiato dal bluesman Nick Cave per finire con Zero Dark Thirty, che l’ha portata alla seconda nomination agli Oscar e al primo Golden Globe vinto. Dalla caccia a Bin Laden alla cura di due bambine ossessionate da una figura ‘immaginaria’ chiamata la madre, il passo sembrerebbe azzardato, eppure non lo è. La madre, diretto da Andres Muschietti e tratto da un suo cortometraggio del 2008, ha ambizioni da horror colto di alta classe.

    Non è un caso che per produrre questo film si sia mosso anche Guillermo del Toro, regista cult che con dark e bambini ha un rapporto speciale (suoi La spina del diavolo e, soprattutto, Il labirinto del fauno), tanto da produrre un altro film molto apprezzato sul tema di recente, El Orfanato (The Orphanage). Tanti piccoli dettagli che si uniscono creando un puzzle complesso che rende La madre un film almeno da vedere e di certo da non snobbare alla vista della sola locandina. La trama, peraltro, è più complessa di quanto si possa pensare, e rimanda anche a temi attuali come la crisi economica e la violenza domestica, tanto per chiarire che un film horror fatto bene non è mai solo mostruosità, spavento e tanto sangue.

    Il film ci porta agli albori della crisi finanziaria del 2008, quando Jeffrey, uomo in preda a una forte depressione, uccide alcuni colleghi e la ex-moglie poi prende le sue due bambine Victoria e Lilly e parte per un lungo viaggio. Lo scopo è uccidere anche le figlie e poi farla finita, ma l’auto su cui viaggiano sbanda su una strada innevata e finisce in un bosco.

    Qui, sopravvissuti all’incidente, i tre riparano in una casa abbandonata dove le bambine avvertono una strana presenza, una oscura figura che ucciderà il padre quando questi tenterà di sparare alle figlie. Le due sopravvivono e vengono ritrovate solo dopo cinque anni di vita in condizioni animalesche; è il fratello del padre a volersi prendere cura di loro, insieme alla compagna Annabel.

    Sulla nuova famigliola pende però un incubo nascosto: lo psichiatra che segue le due bambine afferma che le piccole, per superare il loro stato di abbandono, hanno creato una figura immaginaria che le aiutava a sopravvivere in un contesto selvaggio. La figura di una mamma, appunto, che però a quanto pare non è poi così immaginaria. Gli ingredienti classici del genere ci sono tutti, ma mescolati con grande inventiva e portati su schermo da un regista poco famoso ma di grande talento visivo, che riesce a creare uno stato di ansia per tutta la durata del film. Se a questo aggiungiamo che Jessica Chastain è meravigliosa e credibile nei panni di una madre surrogata alla prese con l’orrore, allora La madre diventa il miglior film in uscita questo weekend. Di sicuro un must per chi ama il genere e si fida dell’occhio clinico di Guillermo del Toro.

    684

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CinemaSpettacoli
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI