Keira Knightley nei film mostra il seno ma nasconde il lato b

Keira Knightley nei film mostra il seno ma nasconde il lato b
da in Cinema, Spettacoli, Keira Knightley

    Se esiste nel cinema moderno un’attrice da ‘film letterario’, quella è senza dubbio alcuno Keira Knightley, che tornerà in Italia a inizio 2013 con l’ennesimo ruolo da romanzo in Anna Karenina, film diretto da Joe Wright e tratto ovviamente dall’omonimo romanzo di Lev Tolstoj. In occasione dell’uscita nelle sale statunitensi, avvenuta proprio in questi giorni, la 28enne diva britannica è tornata assoluta protagonista sulle copertine delle riviste di mezzo mondo. Occasione unica per parlare del suo rapporto con il nudo sul set e con un corpo che molti definiscono troppo magro, ai limiti del pericolo anoressia.

    L’ombra della malattia aleggia su Keira Knightley fin dagli esordi, ma lei da sempre difende le sue forme parlando di costituzione naturale. L’assenza di curve, comunque, è un particolare che i produttori non hanno mai preso alla leggera, facendo largo uso di fotoritocco quando si trattava di metterla sulle locandine o nelle foto promozionali. Cosa che è successa anche per Anna Karenina, dove il seno di Keira appare decisamente più florido di quanto non sia in realtà.

    Lei non ha mai avuto problemi con questa sua condizione e con le scelte di marketing, fatta eccezione per un caso, ovvero King Arthur. Nell’intervista concessa al magazine Allure di recente Keira Knightley ammette di essersi molto arrabbiata quando nel 2004 le sue forme vennero ingrandite troppo nella locandina del film: “Mi ritoccano sempre il seno. Mi ero arrabbiata quando me l’avevano fatto veramente cadente. Per King Arthur mi avevano fatto queste stranissime tette cadenti.

    Non ho tette e loro me le avevano fatte digitalmente. Ho pensato ‘quella è la mia faccia sul cartellone. Se proprio devi farmi un seno immaginario, almeno fallo sodo’”.

    D’altra parte Keira negli anni si è costruita una fama di attrice che non ha problemi a mostrarsi senza veli in scena, nonostante le misure non proprio da maggiorata. Anzi, forse proprio per questo: “No alla parte inferiore. Ma non mi dispiace esporre il seno perché è così piccolo, non interessa così tanto le persone“. Insomma, difficile vedere un nudo integrale di Keira Knightley, che comunque anche per Anna Karenina non ha rinunciato al suo lato seducente ed elegante (che l’hanno resa icona perfetta per il marchio Chanel). Il film, che uscirà in Italia il 21 febbraio 2012 ma arriverà in anteprima al Festival di Torino, rappresenta la terza volta dell’attrice con il regista Joe Wright, dopo Espiazione e Orgoglio e Pregiudizio.

    Tutti film tratti da romanzi classici (o in procinto di diventarlo), tanto per confermare quanto dicevamo in apertura. La lista è davvero lunga (da Seta a La duchessa passando per Non Lasciarmi e A Dangerous Method), segno che, dopo l’enorme successo de I Pirati dei Caraibi, Keira Knightley è alla ricerca di un’affermazione definitiva come attrice di classe oltre che di manichino per i marchi di moda. Se poi questa strada passerà anche attraverso nudo e scene sexy, tanto di guadagnato per noi spettatori.

    491

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CinemaSpettacoliKeira Knightley
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI