Jovanotti: Le tasche piene di sassi è il nuovo singolo (video)

Jovanotti: Le tasche piene di sassi è il nuovo singolo (video)
da in Musica, Spettacoli, Cantanti
Ultimo aggiornamento:

    Jovanotti è uno dei quegli artisti italiani per i quali non esistono mezze misure: o si ama o si odia. Quale che sia la vostra posizione in merito, è comunque innegabile che si tratti di uno dei pochi a saper trasformare ogni uscita discografica in un vero e proprio evento, salutato da migliaia di fan adoranti.

    Le cose ovviamente non sono cambiate per il nuovo arrivato in famiglia, quell’album Ora pubblicato a inizio 2011 e anticipato dal singolo Tutto l’amore che ho, che, indovinate un po’, ha dominato le rotazioni sia delle radio sia dei canali dedicati ai video fin dalla sua uscita.

    Ecco perché è facile presupporre un analogo destino anche per il secondo singolo, Le tasche piene di sassi, in cui Jovanotti abbandona per un attimo le atmosfere dance per lanciarsi in una ballata per pianoforte, voce e archi, giocando a fare un po’ il De Gregori della situazione.

    Il pezzo si lascia ascoltare, ma forse entusiasma meno di Tutto l’amore che ho, proprio per la sua struttura troppo classica, che ha tratti sa di già sentito. Le tasche piene di sassi è accompagnato da un video prodotto da Paolo Soravia per la regia di Maki Gherzi, che ha puntato tutto sul bianco e nero e sulla performance “solista” di Jovanotti, sul palco come un comico d’altri tempi.

    Il video è infatti un omaggio a Bob Fosse, storico attore comico statunitense, e a questo proposito il cantante ha dichiarato:

    “Le tasche piene di sassi è una canzone che offre letture possibili diverse e girare un video con un solo punto di vista visivo sarebbe stato limitante. E’ una canzone puramente emotiva e quindi non era per niente facile fare un video. Abbiamo deciso di citare le atmosfere di Lenny, la fotografia, perfino le inquadrature.

    Nel video ci sono io, ma forse non sono io o forse non sono stato mai così io. Sono io ma potrei essere anche qualcun altro. Potrei essere anche uno che racconta delle storie. Potrei essere uno che sta cercando di coinvolgere la gente, di farli ridere, di farli piangere.

    E ora prepariamoci ad ascoltarla 24 ore su 24 su tutte le frequenze radio. Ma prima godiamoci il video.

    391

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MusicaSpettacoliCantanti Ultimo aggiornamento: Giovedì 02/07/2015 18:06
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI