Iggy Azalea, la nuova bad girl hip hop [VIDEO & FOTO]

Iggy Azalea, la nuova bad girl hip hop [VIDEO & FOTO]
da in Musica, Spettacoli

    Iggy Azalea sta portando avanti una piccola rivoluzione nel mondo della musica. In primo luogo per il nome d’arte che si è scelto: un tempo il nome Iggy era associato al veterano del punk rock Iggy Pop ma, dato il successo di questa giovane stella nata e cresciuta su YouTube, Iggy sarà sempre più sinonimo di Iggy Azalea (vero nome Amethyst Amelia Kelly). La nuova bad girl dell’hip hop, come è già stata soprannominata per la vena caustica dei suoi testi, arriva dall’Australia ed è qui la seconda parte della rivoluzione: il continente dei canguri, di Miranda Kerr e degli AC/DC finalmente ci regala una rapper con i cosiddetti, pronta a contendere il trono alle colleghe (ma anche ai colleghi maschi) della West coast degli Stati Uniti. Cerchiamo di conoscere meglio questo nuovo fenomeno virale.

    Come diventare famosi senza aver pubblicato nemmeno un album in studio, questa la parabola di Iggy Azalea, che dimostra ancora una volta il potere dei social network e la capacità di YouTube di influenzare le case discografiche e le rotazioni radio. Iggy non è certo il primo fenomeno nato in rete ma, a differenza di Justin Bieber e Lana Del Rey, è partita con evidenti handicap: non è americana e canta rap, un mondo monopolizzato da artisti maschi. Ostacoli superati con grande facilità grazie a un gran numero di esibizioni freestyle postate online e, soprattutto, al video di Pu$$y, caricato sul suo canale ufficiale YouTube nel 2011 e diventato, nel giro di poche ore, un vero e proprio viral. Merito delle sue capacità canore, certo, ma anche di uno stile abrasivo che si evidenzia in testi senza peli sulla lingua e sempre ai limiti dell’oscenità. E’ l’inizio di qualcosa di grosso.

    Senza album e senza grosse hit, Iggy Azalea diventa così un nome che passa di bocca in bocca fino ad arrivare sulla scrivania delle persone che contano nel giro del rap. Una ragazza come tante, nata nella lontana Sydney nel 1990 e solo da pochi anni ‘ospite’ degli Stati Uniti, diventa così oggetto di una contesta tra etichette e artisti, tutti in fila per collaborare con lei e scrivere i pezzi del suo primo album, annunciato già sul finire del 2011 ma ancora non concretizzato. La bad girl del rap vuole fare le cose in grande, così si prende tutto il tempo necessario per il lancio di The New Classic, disco d’esordio ambizioso fin dal titolo. Vuole riscrivere le regole del rap, Iggy, e nel frattempo un piccolo traguardo l’ha già raggiunto, diventando la prima donna rapper non americana a finire sulla copertina del magazine XXL (bibbia del rap e hip-hop) dedicata alle giovani promesse del genere.

    Per ringraziare della fiducia concessa dai media a stelle e strisce, lei rilascia ‘Work‘ e ‘Bounce‘, due nuovi singoli che finiranno sul nuovo classico, che innalzano ulteriormente l’asticella delle sue ambizioni puntando su testi molto espliciti che parlano di sesso e uniscono senza alcuna remora parolacce e citazioni di artisti famosi come Basquiat, LaChapelle e Dalì. Troppo pretenzioso per una bella ragazza di 22 anni che si diletta come modella oltre che come rapper? Non ci resta che attendere The New Classic (previsto per settembre 2013) per saperlo, accogliendo con piacere la notizia che, nel frattempo, Iggy Azalea è stata scelta come nuovo volto per le campagne pubblicitarie della Levi’s.

    581

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MusicaSpettacoli
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI