I migliori batteristi italiani

Chi sono i migliori batteristi italiani di sempre? Fare una classifica sarebbe riduttivo, ma una lista si può: tra il jazz, il progressive rock e i sodalizi inestimabili, ecco l'elenco dei batteristi italiani che hanno fatto la storia della musica del nostro paese.

da , il

    I migliori batteristi italiani

    I migliori batteristi italiani di sempre: chi sono? Gli uomini che siedono dietro le pelli e portano il ritmo in studio e dal vivo sono facilmente snobbati a favore di cantanti e chitarristi, o considerati secondari rispetto alle due figure principali. Niente di più sbagliato: senza di loro non ci sarebbe quel groove essenziale che permette ai gruppi di dare il meglio, e non sarebbero nati alcuni dei pezzi più famosi della musica di sempre. Non è facile ma qui a QNM ci proviamo: scopriamo insieme chi sono i migliori batteristi italiani, quelli che hanno saputo caratterizzare la musica del nostro paese dagli anni Cinquanta ad oggi.

    Franz Di Cioccio (PFM)

    Franz Di Cioccio

    Cominciamo la nostra lista: i migliori batteristi italiani annoverano sicuramente Franz Di Cioccio, voce e batteria di uno dei gruppi progressive rock italiani più conosciuti di sempre, vale a dire la PFM (Premiata Forneria Marconi). Assieme a Franco Mussida (uno degli 11 migliori chitarristi italiani di sempre) ha dato vita a momenti indimenticabili per la band.

    Christian Meyer (Elio e le Storie Tese)

    Christian Meyer

    Christian Meyer è il batterista di Elio e Le Storie Tese e uno dei più amati del nostro paese. Di origine svizzera, sulla quale scherza spesso in concerto, suona anche in altre formazioni e insegna batteria in diverse masterclass sempre molto seguire.

    Tullio De Piscopo

    Tullio De Piscopo

    Percussionista, batterista, anima del Neapolitan Sound assieme a Pino Daniele: Tullio De Piscopo è uno dei migliori batteristi italiani anche grazie alla sua formazione jazz e alla sua fama. Figlio di un batterista, si è sempre caratterizzato per la sua attenzione alla melodia.

    Agostino Marangolo

    Agostino Marangolo

    Agostino Marangolo è stato batterista di Pino Daniele e non solo: Angelo Branduardi, Antonello Venditti, Edoardo Bennato e Niccolò Fabi sono alcuni degli artisti con cui ha suonato dal vivo e in studio. È ancora in attività come insegnante di batteria.

    Lele Melotti

    Lele Melotti

    Gabriele ‘Lele’ Melotti è il batterista italiano che ha praticamente suonato su tutti i più importanti dischi di musica italiana degli anni Ottanta, Novanta e Duemila: nominatene uno e sicuramente ci sarà lui dietro le pelli. Oltre ad essere stato batterista di Sanremo nel triennio dal 1990 al 1992, una curiosità: ha collaborato anche ai dischi di Cristina D’Avena dal 1987 al 1991.

    Roberto Gatto

    Roberto Gatto

    Dei batteristi jazz italiani, Roberto Gatto è probabilmente il nume tutelare: dopo un esordio nel mondo del progressive rock, ha esordito come batterista jazz nel 1975, collaborando con praticamente tutti i maggiori nomi del genere. È spesso in tour con il trombettista e flicornista Enrico Rava.

    Ellade Bandini

    Ellade Bandini

    Origini ferraresi, formazione nelle orchestre e nei gruppi beat, una lunghissima carriera di turnista in studio (ha inciso la batteria in ‘Rumore’ di Raffaella Carrà, tanto per fare un esempio) poi a fianco di Francesco Guccini, Enrico Ruggeri e soprattutto Fabrizio De André: serve altro per definire Ellade Bandini il nonno energico dei migliori batteristi italiani?

    Gegè Di Giacomo

    Gege di Giacomo

    Gegè Di Giacomo, nipote del celebre poeta napoletano Salvatore, è stato un batterista eclettico: di formazione bandistica, dove suonava la grancassa, divenne famoso come cantante e batterista nella band di Renato Carosone, formatasi nel 1949 a Napoli. Nonostante il precoce ritiro dalle scene, ha continuato a suonare a lungo. È morto nel 2005.

    Giulio Capiozzo (AREA)

    Giulio Capiozzo

    Giulio Capiozzo è stato il fondatore degli Area assieme a Demetrio Stratos; ha poi virato verso il mondo della batteria jazz mantenendo uno spiccatissimo gusto per la melodia e il fraseggio, e innovando il mondo della poliritmia. È ancora molto studiato per il suo apporto prezioso al mondo della batteria. È scomparso nel 2000 in seguito ad un arresto cardiaco.

    Alfredo Golino

    Alfredo Golino

    Se un disco tra gli anni Ottanta e Novanta non è stato registrato da Lele Melotti, allora è stato inciso da Alfredo Golino: il mondo del pop deve molto a questo batterista napoletano che ha collaborato con Laura Pausini, Mina, Vasco Rossi e Mario Biondi. È ancora attivissimo e spesso in tour.

    Elio Rivagli

    Elio Rivagli

    Batterista di Fiorella Mannoia tra le tante collaborazioni, nonché alle pelli per il brano di Ennio Morricone nell’ultimo film di Quentin Tarantino ‘The Hateful Eight’, Elio Rivagli entra di diritto tra i migliori batteristi italiani per il suo stile e la sua pulizia.