I migliori album rock di sempre, la classifica di QNM [FOTO]

I migliori album rock di sempre, la classifica di QNM [FOTO]
da in Acquista ora, Musica, Spettacoli
Ultimo aggiornamento:

    Quelli da collezionare, da ascoltare fino a consumarli, quelli da cui partire per farsi una cultura vera del settore, quali sono i migliori album rock di sempre? Abbiamo cercato di stilare la classifica di QNM, non senza disaccordi, non è semplice essere allineati su un cinquantennio di storia del rock, alla fine ne abbiamo scelti 25. 25 album che magari da alcuni non saranno considerati i migliori, ma sicuramente hanno contribuito a costruire la storia di un genere.

    Dopo attente riflessioni in redazione si è deciso di non esporla come una classifica dal primo al venticinquesimo posto, se già è stato complesso scegliere così “pochi” album, figuriamoci metterli anche in ordine di importanza: difficilissimo uscirne. Dunque è una classifica in cui tutti sono potenzialmente allo stesso posto, il rock varia di annata in annata, di sicuro negli anni ’60 non era lo stesso di oggi, negli anni ’80 diverso dal decennio precedente, esiste il punk, il blues, il country, il pop, che sono altri generi musicali, ma sono tutti stati accostati alla “desinenza” -rock almeno una volta, andando a decretare la nascita di un nuovo sottogenere.

    Dunque come ci muoviamo? Proviamo con l’ordine cronologico, forse anche il più efficace per ripercorrere un po’ di storia della musica rock. 1963: Bob Dylan presenta The Freewheeling, l’album si apre con Blowin’ in the wind, e con poche e semplici note (tra le più “coverizzate” al mondo) segna una generazione. Ci spostiamo nel 1967, decisamente una grande annata, perché vede l’uscita di due album importanti per la storia del rock, Sgt. Pepper’s lonely heart club band, che puoi acquistare qui, The Beatles, Velvet underground & Nico, clicca qui per comprarlo, dei The Velvet Underground (quelli di Lou Reed), l’album con in copertina la banana di Andy Warhol, ma è anche l’anno dei The Doors con l’omonimo album, e non possiamo di certo dimenticarlo. L’anno successivo, il 1968, è il momento di lasciarsi “spettinare” dalla chitarra di Jimi Hendrix con l’album Are you experienced, Clicca qui per acquistarlo.

    Due anni dopo, nel 1969, è la volta dei Led Zeppelin, con l’omonimo album (acquistabile qui): un gruppo perfetto per fare da spartiacque tra gli anni ’60 e i ’70. L’album, infatti, è un mix riuscito di blues, folk e rock con uno stile heavy, stile che tuttavia non basta per farli rientrare solo nel genere metal. Si entra negli anni ’70, decennio ricco di canzoni indimenticabili sicuramente, ma anche di album: Who’s Next dei The Who, 1971; Pearl di Janis Joplin sempre del 1971;Exile on Main Street dei The Rolling Stones, 1972; The dark side of the moon dei Pink Floyd, 1973 (anche se non è facile scegliere tra questo album e The Wall del ’79), Born to run di Bruce Springsteen, 1975 e Horses di Patti Smith nello stesso anno;Ramones dell’omonimo gruppo e, cambiando completamente stile, Hotel California degli Eagles entrambi usciti 40 anni fa, nel 1976; Never mind the bollocks dei Sex Pistols e Slowhand di Eric Clapton tutti e due del 1977; i Dire Straits con omonimo album esplodono nel 1978. Si arriva a chiudere gli anni ’70 con una pietra miliare del rock London Calling dei The Clash, 1979, un titolo che è diventato addirittura un modo di dire.

    Gli anni ’80 sono stai sicuramente frizzanti da ogni punto di vista, una nuova svolta nel costume e nella società, che si è riflessa sicuramente nel cinema, ma anche nella musica. Pensando al rock, come genere, si può dire che rimase protagonista, ma è forse più difficile trovare una quantità di album significativi come per gli anni ’70, uno in particolare li surclassa tutti ed è il Live at Wembley dei Queen, qui puoi acquistare il DVD del live, anno 1986: sono già passati 30 anni dal mito di Freddie Mercury? Torniamo per un attimo indietro agli inizi del decennio, è infatti del 1980 l’album Back in Black degli AC/DC. Risaltiamo al 1987 con The Joshua Tree gli U2 sbancano le classifiche, Bono Vox diventa una star, esce anche Appetite for Destruction dei Guns n’ Roses, ma si è già pronti per entrare negli anni ’90. Nevermind dei Nirvana è del 1991 acquistabile qui.) e Ten dei Pearl Jam dello stesso anno, arriviamo dritti al 1999 con Californication dei Red Hot Chili Peppers, clicca qui per acquistarlo..

    Che non ce ne vogliano tutti i gruppi rock dagli anni 2000 in poi, ma forse, anzi, sicuramente, è troppo presto per scegliere uno o più album che possano entrare nella storia di un genere, la classifica, forse, andrà aggiornata tra quattro o cinque anni, quando avremo trascorso i primi 20 di questo nuovo millennio e potremo dire con certezza chi ha lasciato delle orme importanti.

    1352

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Acquista oraMusicaSpettacoli Ultimo aggiornamento: Giovedì 11/08/2016 15:56
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI