Donne che amano le donne: scene cult di 10 film imperdibili [VIDEO]

Donne che amano le donne: scene cult di 10 film imperdibili [VIDEO]
http://www.qnm.it/wp-content/uploads/2012/09/donne-che-amano-le-donne-scene-cult-645x383.jpg

donne che amano le donne scene cult

Le donne che amano le donne spesso ci hanno regalato scene cult da indimenticabili. Dopo alcuni anni passati a raccontare le storie di uomini che odiano le donne (tanto per citare Stieg Larsson), negli ultimi tempi sembra tornato di gran moda al cinema l’amore tra donne. I momenti di sesso nei film sono ormai una costante inderogabile, ma è innegabile che quelli dal sapore lesbo riescano ad attirare l’attenzione del popolo maschile come poche cose al mondo. Vediamo allora le scene imperdibili di 10 film da vedere e rivedere.

VIOLA DI MARE di Donatella Maiorca

Viola di mare è un film del 2009 basato sul romanzo Minchia di re scritto da Giacomo Pilati, e Donatella Maiorca ne ha curato la regia. Il titolo del film fa riferimento al nome siciliano della donzella di mare, un pesce che nasce femmina e crescendo diventa maschio. La storia d’amore, ambientata nella Sicilia dell’Ottocento, racconta le vicende di Angela e Sara, interpretate da Valeria Solarino ed Isabella Ragonese. Il loro amore omosessuale è uno scandalo per il paese e Angela si fingerà un ragazzo per potere amare la sua donna e come sfida alle mentalità del luogo.

LA VITA DI ADELE di Abdellatif Kechiche

Ispirato al fumetto Il blu è un colore caldo di Julie Maroh, il film La vita di Adele di Abdellatif Kechiche è stato premiato con la Palma d’oro al Festival di Cannes 2013. Narra la storia di un’adolescente di quindici anni che si innamora di una ragazza misteriosa e speciale, dai capelli blu, che ogni notte diventa protagonista dei suoi sogni e desideri più intimi. Adele (interpretata da Adele Exarchopoulos) vive la sua storia d’amore con Emma (Lea Seydoux), ma quando vivrà la separazione, imparerà la lezione più dolorosa della vita: ci sono cose che non si superano davvero mai, e alle quali si sopravvive soltanto.

BOUND – TORBIDO INGANNO dei fratelli Wachowski

Siamo nel 1996, e i fratelli terribili del cinema americano sono ancora lontani dal successo planetario di Matrix. Bound è il loro primo film in assoluto, e racconta la storia di Corky, ex-carcerata lesbica, che sbarca il lunario con alcuni lavori di idraulica e un giorno conosce la sua vicina di casa, Violet. Inutile dire che tra le due donne nasce una forte attrazione, in un film che mescola eros e thriller. Nei panni delle protagoniste troviamo Jennifer Tilly e Gina Gershon.

MULHOLLAND Dr. di David Lynch

Impossibile dimenticare una delle opere più belle ed enigmatiche del maetro David Lynch. Mulholland Dr. soddisfa non solo la mente, con una trama oscura e colma di simbolismi, ma anche lo sguardo, con una serie di scene ad alto tasso erotico tra le protagoniste Laura Harring e Naomi Watts. La loro scena d’amore è senza dubbio una delle più famose e conturbanti della storia del cinema.

CHLOE – TRA SEDUZIONE E INGANNO di Atom Egoyan

Nel 2009 si incontra su schermo una delle coppie di attrici più strane di sempre, ovvero Julianne Moore e Amanda Seyfried. Da un lato una moglie che vive in apparenza un’esistenza felice ma viene rosa dal tarlo del dubbio che il marito la tradisca, dall’altro una affascinante prostituta ingaggiata per incastrare l’uomo. Un piano all’apparenza semplice, ma che coinvolgerà i tre in un triangolo inaspettato e torbido.

Il CIGNO NERO di Darren Aronofsky

Film da Oscar, thriller psicologico ma soprattutto grande prova d’attore. Anzi di attrice, visto che la protagonista è Natalie Portman, alle prese con l’ossessione per Il Cigno Nero e con il terrore di perdere la parte a causa della collega Mila Kunis. Con due bellezze di questo calibro, non poteva mancare una scena lesbo da mandare agli annali, motivo più che sufficiente per guardare il film.

SEX CRIMES – GIOCHI PERICOLOSI di John McNaughton

Metti Denise Richards al massimo del suo splendore in una piscina, falla accompagnare in un torbido abbraccio da Neve Campbell e il risultato sarà Wild Things (diventato in Italia Sex Crimes). E’ il 1998 quando questo thriller arriva a segnare l’immaginario collettivo, regalando alla bella Denise il ruolo di sex symbol assoluto: merito di una trama che gioca molto con le ambiguità e non risparmia scene esplicite e decisamente bollenti, come il bacio tra le protagoniste che vi mostriamo.

MIRIAM SI SVEGLIA A MEZZANOTTE di Tony Scott

Dovessimo indicare le due attrici più sensuali degli anni ’80, i primi nomi sarebbero probabilmente Susan Sarandon e Catherine Deneuve. Le due, quasi per miracolo, si ritrovano in The Hunger di Tony Scott, film del 1983 che fin dal titolo (originale) allude alla fame, alla brama e al desiderio. Miriam si sveglia a mezanotte è una vampira che seduce la giovane dottoressa Sarah Roberts, con risultati memorabili.

L’UNIVERSITA’ DELL’ODIO di John Singleton

Nel 1995 esce questo film drammatico che racconta la storia di tre matricole all’università in California, in un periodo turbolento in cui nasce la famigerata Proposition 187, legge che vieta agli immigrati clandestini l’educazione scolastica e l’assistenza sanitaria. Tra razzismo e violenza, c’è spazio anche per una memorabile scena d’amore lesbo, tra Jennifer Connelly e Kristy Swanson.

GIA – UNA DONNA OLTRE OGNI LIMITE di Michael Cristofer

Versione romanzata della biografia di Gia Carangi, modella lesbica morta in giovane età a causa dell’Aids dopo essere diventata la grande speranza delle moda negli anni ’80. Nei panni della protagonista troviamo Angelina Jolie, che nel 1998 si appresta a diventare sex symbol assoluto grazie a un’interpretazione sofferta e condita da alcune scene d’amore ad alto tasso erotico.

Segui QNM

1027

Pubblicato da Violetta Gonzaga il 04/09/2014 in: Cinema, Intrattenimento

Leggi di più : scene cult

COMMENTI ()
Sondaggio della settimana

Qual è la tua arma di seduzione?

Vota
Loading ... Loading ...

© 2008-2014 QNM, tutti i diritti riservati - Trilud S.p.A. - P.iva: 13300290155. Privacy

|Redazione

| Contattaci

| Pubblicità su QNM

| Google+

rss

QNM, supplemento alla testata giornalistica NANOPRESS registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08