X3: Albion Prelude, ritorna la saga spaziale (video)

X3: Albion Prelude, ritorna la saga spaziale (video)
da in Hi-Tech, Videogiochi

    Non sono davvero tante le saghe a sfondo fantascientifico, ambientate nello spazio; e ancora meno sono quelle che riescono ad arrivare ad un secondo o terzo capitolo, riuscendo quindi a creare uno zoccolo duro di fan. Tra le poche saghe fortunate, pur rimando un genere di nicchia, vi è sicuramente la saga di X, sviluppata da Egosoft; arrivata al terzo capitolo, ma con diverse espansioni in mezzo, la saga nata nel 1999 conta ormai sei titoli. L’ultimo è X3: Albion Prelude, espansione del terzo capitolo, X3: Reunion, uscito addirittura nel 2005, ma a ben guardare Albion Prelude è da considerarsi un’add-on della prima espansione di X3, ossia di X3: Terran Conflict del 2008.

    X3: Albion Prelude è già disponibile, esclusivamente su Steam, dal 15 dicembre 2011, ed è destinato ai PC Windows. Il titolo di fatto si pone come ponte tra X3 e il successivo capitolo in via di sviluppo X Rebirth; lo scopo, insomma, è quello di tenere viva l’attenzione sulla serie.

    La serie di X deve la sua fortuna alla possibilità che veniva offerta al giocatore di vagare liberamente per tutto l’universo, svolgendo attività di commercio, oppure combattere per conquistare un proprio potente impero, o ancora costruire strutture e svolgere missioni assegnate nei vari pianeti.
    X3: Albion Prelude ha il gravoso compito di risvegliare l’interesse sulla serie di simulazione spaziale che, se è vero che all’esordio ha colpito e affascinato con le sue meccaniche e la sua libertà, stava decisamente ristagnando, rimanendo fin troppo fedele a quelle stesse meccaniche, senza avere il coraggio di osare.

    Questo tentativo in realtà è riuscito solo in piccola parte: di fatto le meccaniche di gioco sono rimaste pressoché invariate, la libertà di scelta del giocatore su “cosa e come fare” è rimasta la stessa e il titolo permetterà ancora una volta di commerciare, razziare altri popoli, esplorare l’universo o farsi assoldare per determinate missioni. Questa assoluta libertà inoltre può scoraggiare il novizio considerato che il titolo ci mette in gioco senza tutorial o guide e, considerato l’ampio spettro di possibilità offerto, questo può tradursi in un’immobilità totale da “e adesso che faccio?”

    Di fatto la novità più importante del titolo è legata proprio al commercio, con l’introduzione della borsa valori: la compravendita degli oggetti, fondamentale per raccogliere denaro, non e più legata al valore della merce stessa ma dipenderà anche da un sistema dinamico di quotazione, molto simile a ciò che avviene nell’odierna borsa, in cui il valore dei titoli oscilla in base al meccanismo della domanda/offerta.

    Graficamente parlando X3: Albion Prelude ha fatto dei passi davvero notevoli rispetto al precedente titolo, e questo nonostante utilizzi lo stesso motore grafico. Purtroppo il titolo si pone palesemente come semplice ponte con il prossimo titolo della serie, non ha interesse ad innovare più di tanto, neanche per quanto riguarda la trama; è destinato in pratica ai vecchi fan della serie, che potrebbero comunque trovare interessante rituffarsi negli spazi di X3: Terran Conflict, se non altro incoraggiati dal basso prezzo (9,90€). Per tutti gli altri forse è meglio aspettare Rebirth.

    542

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Hi-TechVideogiochi
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI