Un’app iPhone o Android per tradire il partner? Gleeden

Un’app iPhone o Android per tradire il partner? Gleeden
da in Android, Hi-Tech, iPhone
Ultimo aggiornamento:
    Un’app iPhone o Android per tradire il partner? Gleeden

    Tradire il proprio partner può essere molto faticoso soprattutto a livello organizzativo: la doppia vita richiede il massimo della riservatezza e possibilmente un distacco netto tra una e l’altra “fazione”. Ok, ci sono sempre i tradimenti espliciti, quelli in cui l’amante è ben consapevole di essere “l’altro”, ma anche in questo caso c’è un grande ostacolo davanti che è appunto quello di trovarlo questo benedetto amante interessato solo a qualche momento di condivisione. Anche in questo caso l’hitech viene in soccorso e si affida a un sito di incontri a scopo di tradimento chiamato Gleeden, con le applicazioni ufficiali per iPhone e Android.

    Il caro e vecchio iPhone o lo smartphone Android diventeranno così l’amico che più fidato non si può, capace di fungere da tramite e da messaggero. L’applicazione Gleeden si scarica gratuitamente, tuttavia come ogni sito di incontri si deve pagare per accedere a funzionalità non così extra: è il dazio da pagare per un servizio pensato appositamente per i fedifraghi che vogliono pochi pensieri e responsabilità.

    Gleeden.com è stato lanciato nel 2009 e attualmente conta su 1.4 milioni di iscritti in tutto il mondo con una buona percentuale di italiani e italiane. Le applicazioni per iPhone e Android hanno debuttato sui rispettivi mercati di app come iTunes App Store e Google Play e si scaricano in pochi istanti. A cosa aprono? Sarà possibile ricercare papabili partner filtrando per ovviamente sesso, età, caratteristiche fisiche, città e così via.

    Come suggerisce il comunicato di lancio: “E’ possibile trovare persone disponibili a intrattenere incontri extraconiugali e contattarle tramite messaggio. Il tutto mentre si va a lavoro, in pausa pranzo o caffè“.

    Insomma, tra una partita a Angry Birds e un Mi Piace su Facebook si possno scorrere tra le foto e inviare messaggi a raffica sperando in qualche risposta. Si potranno anche inviare regali virtuali e infine – se tutto va bene – organizzare un incontro clandestino. L’app è localizzata in 4 lingue diverse (italiano, inglese, francese e spagnolo). Tutto molto bello, ma i contro? Sono ben noti: è sì gratuito il download, ma si deve pagare piuttosto salatamente per qualsiasi cosa si voglia fare dal conversare (chattare) al vedere foto… insomma, sarà anche più comodo, ma in questi momenti di crisi il metodo di acchiappo tradizionale rimane sempre quello più conveniente.

    460

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AndroidHi-TechiPhone Ultimo aggiornamento: Domenica 05/07/2015 17:36
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI