NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

The Witcher 2 Assassins of Kings, in uscita solo per pc (video)

The Witcher 2 Assassins of Kings, in uscita solo per pc (video)
da in Hi-Tech, Videogiochi

    Non capita spesso di sentire di titoli forgiati made in Polonia, non perché in Polonia stiano ancora scoprendo il commodore64, ma perché è raro che la qualità dei titoli prodotti sia tale da varcare i confini nazionali (discorso applicabile anche all’Italia ovviamente). Per nostra fortuna ci sono le eccezioni: il team CD Projekt, polacco, è infatti papà di quel gioiellino fantasy che fu The Witcher, nel 2007; il gioco di ruolo distribuito da Atari, riusci ad abbattere il muro del milione di copie vendute per il solo mercato PC.

    A distanza di cinque anni CD Projekt forte dei consensi, sia di critica che di pubblico, ci riprova con The Witcher 2: Assassins of Kings, riprendendo il discorso da dove l’aveva lasciato, rievocando ancora una volta i paesaggi immaginati dallo scrittore polacco Andrzej Sapkowski nella sua saga dedicata ai Witcher.

    La storia è ambientata solo due mesi dopo la fine del primo titolo, e riprende proprio da ciò che abbiamo visto nel video finale, a conclusione del primo capitolo, dove Geralt si trovava a difendere il re di Temeria, Foltest, da un improvviso attacco da parte di un sicario. Ben presto Geralt scoprirà che non si tratta di un caso isolato ma che un gruppo di assassini ha già ucciso i sovrani dei Regni del Nord

    La trama di The Witcher 2: Assassins of Kings si svolge in cinque atti: prologo, primo, secondo e terzo atto, epilogo, e proseguirà in modo non lineare, offrendo vaste opzioni narrative: saranno infatti messe in evidenza le scelte morali del protagonista, che influenzeranno notevolmente l’evoluzione del gioco. Con questa struttura narrativa il gioco, con oltre quaranta ore di longevità, prevede quattro inizi diversi della storia, tre filoni principali differenti di proseguimento della trama e addirittura sedici possibili finali. Ovviamente se si decide di completare anche tutte le missioni secondarie il tempo di gioco aumenta esponenzialmente!

    Rispetto al capitolo precedente, dove era sufficiente cliccare con il mouse in un determinato momento per creare delle combo prestabilite, i combattimenti vengono ora gestiti in maniera molto simile ai giochi d’azione in terza persona, quindi sarà il giocatore a stabilire come e dove sferrare il colpo, avvalendosi ovviamente anche degli incantesimi.

    Questa maggiore dinamicità comporta, per contro, combattimenti più caotici e confusi rispetto al primo titolo.

    Abbandonato il motore grafico Aurora del primo capitolo, The Witcher 2: Assassins of Kings, sfoggerà un motore completamente nuovo, creato ad hoc dagli stessi CdProjekt, che stupisce per il livello di dettaglio: i modelli dei personaggi e le ambientazioni, che siano interni o esterni, sono incredibilmente dettagliati e vari. Ovviamente un simile capolavoro grafico si paga in termini di requisiti di sistema, abbastanza esosi!

    The Witcher 2: Assassins of Kings ci intrappolerà in virtuosismi narrativi e combattimenti di spada dal 19 maggio (per l’Italia), solo su PC - per ora!

    509

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Hi-TechVideogiochi
    PIÙ POPOLARI