Lollipop Chainsaw, trailer per la cheerleader ammazza zombi

Lollipop Chainsaw, trailer per la cheerleader ammazza zombi

    Qualche tempo fa abbiamo dato una prima occhiata a Lollipop Chainsaw, il nuovo titolo partorito dal bizzarro genio di Suda 51, che da tempo voleva cimentarsi in un videogame a stampo trash, a tematica horror, si, ma demenziale, ambientato in una scuola, tipico college americano. Ad accompagnarlo in questa avventura ci sarà Akira Yamaoka, responsabile delle musiche del gioco, ben noto per il suo lavoro dagli addetti ai lavori.

    La protagonista è Juliet Sterling, capo cheerleader della San Romero Highschool. La mattina del suo diciottesimo compleanno si recherà a scuola ma ad attenderla non troverà nessuna torta, bensì tutti i suoi compagni trasformati in zombie. La nostra eroina imbraccerà quindi una motosega semiautomatica e inizierà a fare pulizia per i corridoi, alla ricerca di possibili superstiti e della ragione del contagio.

    Lollipop Chainsaw fa della demenzialità la sua bandiera, la protagonista non è sicuramente la Jill Valentine della situazione: è una cheerleader, bionda, seducente, in abiti discinti, si muove tra corridoi e armadietti tipici dei college e adora i lecca lecca. Tipico prodotto della cultura pop americana.

    E quando la situazione si fa tosta Juliet utilizza tutta la sua esperienza di cheerleader, tra salti, capriole e mossette, più l’adeguato supporto della motosega, per farsi largo tra gli zombie, ex compagni di scuola, che taglia in due senza pensarci due volte. Il tutto è condito da scie luminose rosa, cuoricini, stelline, coriandoli.

    L’atmosfera demenziale aleggia continuamente sul titolo ma nonostante questo si tratta di un ottimo gioco action, con rapide combo, acrobazie con calci e mosse sempre varie di utilizzo della motosega, così come vario è il comportamento degli zombi che attaccano Juliet in modi sempre vari e imprevedibili.

    Lollipop Chainsaw è atteso per il 2012 per Xbox360 e PS3; nell’attesa è stato rilasciato il trailer di debutto in cui possiamo godere delle grazie della protagonista e delle atmosfere pop, anni cinquanta, da college americano, horror, trash e chi più ne ha più ne metta.

    354

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Hi-TechPlaystationVideogiochiXbox
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI