Intel Orange San Diego, l’Android entry-level completamente “intel inside”

Intel Orange San Diego, l’Android entry-level completamente “intel inside”
da in Android, Cellulari e smartphone, Hi-Tech
Ultimo aggiornamento:
    Intel Orange San Diego, l’Android entry-level completamente “intel inside”

    Grandi novità in casa Intel, con il lancio dell’Orange San Diego, l’android completamente costruito da Intel con alte prestazioni per un entry level e chipset dedicato per entrare nel mondo dei dispositivi smartphone, un single core in grado di competere in prestazioni con gran parte dei dual core al momento sul mercato; certamente però siamo ben distanti dalle prestazioni dei quad core, che però rappresentano allo stato attuale una nicchia di produzione.

    Il display è un 4 pollici LCD touchscreen con una risoluzione di 1024 x 600, che ha una ottima luminosità anche in condizione di piena luce, per una grande leggibilità dello schermo; il display è inserito in un corpo unico, che non è possibile aprire, stile Apple, e in cui quindi non è possibile sostituire la batteria. Le fotocamere sono due: una rear camera da 8 megapixel con flash, in grado di girare filmati a 1080p, con pulsante touch e fisico, e una front-facing camera da 1,3 megapixel, utile per videochiamate.

    La fotocamera principale, pur non essendo una HDR, offre molte opzioni specifiche per la cattura immagini: cambio di esposizione, regolazione ISO (fino a un massimo di 800, modalità RAW, modalità macro e la cattura di 10 scatti a 15 frame al secondo per ottenere delle brevi sequenze. Tuttavia l’assenza di HDR rende le foto non così nitide come si potrebbe immaginare.

    Ovviamente trattandosi di intel grande attenzione per la CPU, che è una Intel Atom Z2460 a 1.6GHz, con 1Gb di RAM e 11Gb di memoria purtroppo non espandibile. Su questo cuore girerà Android nella versione 2.3, ovvero Gingerbread, anche se è lecito aspettarsi che a breve esca un aggionramento ad Ice Cream Sandwich.

    La cpu dovrebbe anche garantire una buona durata di batteria, con uno standby dichiarato di ben 14 giorni.

    Per quanto riguarda l’aspetto, il colore è un classico nero e il design è molto pulito e lineare, benché non prettamente distintivo rispetto ad altri modelli. Lo spessore di circa 10 mm consente la presenza di diverse porte e pulsanti: il controllo volume, lo slot della micro-SIM e i pulsanti della fotocamera, che servono anche da quicklaunch, a destra; in basso la micro-USB e dal lato sinostri la mini-HDMI; sul lato superiore, infine, l’immancabile tasto “power”.

    Intel Orange San Diego non mira certo ad essere il principale telefono della sua fascia, ma si pone come ottima alternativa per chi vuole comprare un telefono da buone prestazioni e con un costo ragionevole, dato che si trova in vendita a un prezzo al pubblico di 300 dollari circa.

    Scheda tecnica:
    Sistema operativo Android 2.3 gingerbread
    Display touchscreen LCD da 4″
    Processore Intel Atom Z2460 a 1.6GHz
    RAM 1Gb
    Memoria 11Gb non espandibile
    Fotocamera 8 mpx con flash
    Fotocamera frontale 1.3 mpx

    514

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AndroidCellulari e smartphoneHi-Tech
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI