In carcere il fondatore del sito con foto e video delle ex-fidanzate

In carcere il fondatore del sito con foto e video delle ex-fidanzate
da in Hi-Tech, Social Media
Ultimo aggiornamento:
    In carcere il fondatore del sito con foto e video delle ex-fidanzate

    Ritenuto colpevole il 3 febbraio scorso per essere stato all’origine di siti di Revenge P0rn, Kevin Bollart, 28 anni e programmatore, aspettava la sua sentenza. Da dicembre 2012, data in cui aveva lanciato il proprio portale, il giovane permetteva a delle persone spinte e nutrite da un profondo sentimento di vendetta di pubblicare delle foto intime di altre persone senza il loro consenso. Ma per questo, Kevin Bollaert esigeva che queste anime vendicatrici fornissero delle informazioni personali sulle loro vittime: nome, cognome, e-mail, numero di telefono, indirizzo, profilo Facebook e account Twitter. Nella data del suo arresto, il giovane imprenditore aveva permesso la pubblicazione di 10.170 foto che contenevano pose esplicite e persino immagini nude.

    Il procuratore della California aveva quindi deciso di reagire e vietare questa pratica di fronte ad un numero importante di suicidi che erano stati riscontrati dopo le conseguenze di una tale pubblicazione on-line. Nel mese di febbraio, il procuratore generale della California, Kamala Harris, aveva dichiarato di questo sito “è stato un’umiliazione pubblica e ha tradito un merchandising che aveva il potenziale di devastare le vite umane.” In effetti le vittime non avevano molta scelta: se volevano recuperare le foto rubate, dovevano pagare un riscatto che poteva andare dai 277€ ai 318€. tra il 20 giugno il 27 agosto 2013, Bollart avrebbe così ricevuto quasi 2000 richieste per un beneficio di $ 10.000 in meno di un anno.

    Durante il processo, una delle sue vittime ha spiegato il fenomeno “spirale” che ha attraversato la sua vita: sua madre non le rivolge più la parola. Un’altra ha fatto sapere che aveva ricevuto non meno di 400 messaggi sui social network e aveva dovuto mollare in università. Quest’ultima ha cercato di trovare aiuto presso un ospedale psichiatrico.

    Benché abbia affermato di essere non colpevole di tutte le accuse rivolte contro di lui, l’americano è stato riconosciuto colpevole di 27 accuse, tra cui furto di dati, da parte del tribunale di San Diego (California, Stati Uniti). “Questa condanna mostra chiaramente che le conseguenze saranno severe per coloro che approfittano dello sfruttamento delle vittime su internet. Sedersi davanti ad un computer di commettere atti criminali e vili non proteggerà i predatori della giustizia e del carcere”, ha avvisato il procuratore generale della California. Inoltre, Kevin Bollaert è stato condannato ad indennizzare le sue vittime per una somma di $ 15.000 e a pagare $ 10.000 di multa per la creazione del suo sito.

    NASA e l’esperimento lungo un anno sulla ISS

    461

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Hi-TechSocial Media Ultimo aggiornamento: Martedì 23/06/2015 15:38
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI