NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Gotham City Impostors, gameplay e review (video)

Gotham City Impostors, gameplay e review (video)
da in Hi-Tech, Playstation, Videogiochi, Xbox, Batman
Ultimo aggiornamento:

    I super eroi del mondo dei fumetti continuano a passarsela bene: tra cinema, fumetti, cartoni animati e videogiochi il mercato dell’intrattenimento è decisamente “super rappresentato”, con Spider Man, X-Men e ovviamente Batman tra i capisaldi e maggiori esponenti di successo del genere. E a proposito di Batman, il super eroe che super eroe non è, poiché Bruce è un normalissimo uomo (pieno di soldi e di gadget pazzeschi, è vero, ma senza poteri di sorta) si sta godendo una seconda giovinezza sia al cinema, con pellicole di alto livello, e sia nel mondo dei videogame, grazie alla doppietta della Rocksteady che ha conquistato e convinto tutti con i suoi Batman: Arkham City, del 2011, e Batman: Arkham Asylum, del 2009.

    Il clima è mite e il terreno è fertile, insomma, per l’uomo pipistrello; perché non cavalcare l’onda con un titolo che ne sfrutta il nome? Gotham City Impostors, sviluppato da Monolith Productions, autori tra l’altro di F.E.A.R., surfa su quest’onda, e lo fa in un modo originalissimo.

    Quel Bruce Wayne, alias Batman, miliardario di professione e playboy per hobby, mi è sempre stato un po’ antipatico perché, oltre alle succitate caratteristiche, ha un fisico che farebbe vergognare Vin Diesel. All’inizio pensavo che i muscoli fossero disegnati nella tuta, come nei costumi per carnevale, ma poi ho capito che erano sotto! Gotham City Impostors però farà gironzolare per le strade di Gotham un sacco di Batman grassi, ma anche magri, alti, bassi… il trionfo dell’uomo medio insomma. Mi spiego meglio: il titolo firmato Monolith è uno sparatutto in prima persona, destinato al solo multiplayer online, in cui non vestiremo i panni dell’alter ego di Bruce Wayne e tantomeno quelli di Jocker, bensì andremo ad impersonare un fan di Batman o di Joker, e ci uniremo alla squadra dei Batz o dei Jokerz.

    Un uomo comune quindi, come Bruce? No ancora più comune: persone sovrappeso, vestite in maniera bizzarra, con mantelli di fortuna e maschere ricavate anche da scatole di cartone, rappresentano l’archetipo dei personaggi che popolano il mondo di Gotham City Impostors, niente addominali in questa città. Stesse stramberie anche sulle armi perché, oltre alle classiche mitragliette, troveremo archi e lancia-bottiglie.

    La carta vincente di Gotham City Impostors sta tutta nella vasta personalizzazione del proprio personaggio, in una sfida all’ultima follia, costellata, oltre che da maschere e abiti bizzarri, da gadget caserecci come pattini a rotella , stivali a molla, occhiali da cecchino, tagliole ecc.

    Il pipistrello non è mai stato così nerd e sfigato insomma, ma neanche così divertente e vicino alla realtà umana.

    Gotham City Impostors è un gioco che nasce solo per il multiplayer online, sia per PC che per PS3 e Xbox ed è disponibile dal 7 febbraio. A disposizione solo cinque mappe, ma abbastanza varie, e tanti gadget per rendere il nostro personaggio un vincente sul campo. Se si riesce a soprassedere su alcuni problemi di lag non sarà difficile entrare nell’ottica del titolo e il divertimento è assicurato. Parola di Bruce.

    551

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Hi-TechPlaystationVideogiochiXboxBatman
    PIÙ POPOLARI