Carmageddon Reincarnation, ritorna il titolo più controverso di sempre

Carmageddon Reincarnation, ritorna il titolo più controverso di sempre
da in Hi-Tech, Videogiochi
    Carmageddon Reincarnation, ritorna il titolo più controverso di sempre

    Chi di voi ricorda il primo Carmageddon? Sono sicuro che molti di voi hanno abbozzato un sorrisetto diabolico nel leggere questo nome! Il primo titolo della saga è stato pubblicato nel 1997 dalla Sales Curve Interactive, ma, nonostante siano passati quasi quindici anni, mi pare di sentire ancora l’eco delle polemiche che suscitò. Il motivo di tanto chiasso è presto detto: Carmageddon è un racing game, si tratta quindi di un gioco basato su corse di auto, con avversari che si sfidano a tagliare per primi il traguardo nel minor tempo possibile. Come GTR2 quindi? Non proprio….

    Il mercato videoludico fine anni 90 non era certo a digiuno di racing game, c’erano diversi titoli, spesso più o meno intercambiabili, che permettevano di cimentarsi con il genere. Per cercare di distinguersi dalla massa era necessario proporre qualcosa di diverso, che attirasse l’attenzione, e Carmageddon proponeva un gameplay decisamente innovativo!

    L’ambientazione del titolo è decisamente urbana e questo permette di dar “sfogo” al gameplay di cui stiamo parlando: infatti per vincere in Carmageddon bisogna accumulare punti, e per accumulare punti il metodo più immediato è distruggere le macchine degli avversari, tamponandole a tutta velocità, e…. investire quanti più pedoni possibile!!!

    Ebbene si! Quello che fece infuriare mezzo mondo, che portò il titolo addirittura in Parlamento, fu proprio l’idea che, per vincere, è necessario ammazzare quanti più pedoni possibile! Non solo, se vengono investiti in maniera spettacolare i punti sono di più. La polemica che ne è nata è quella ovvia e sterile che state immaginando: questi ragazzi che investono gente virtuale al pc poi quanto prendono la patente inizieranno ad investire la gente reale per strada! Purtroppo, come spesso accade, a prendere parola in materia di videogames è chi ai videogames non ci ha mai giocato! Carmageddon, nonostante il successo di vendita, non ha “tirato su” una generazione di pazzi, pirati della strada, che si divertono ad investire i pedoni . Di fatto il titolo subì tutta una serie di censure: in alcuni stati i pedoni diventarono zombies, il sangue diventò verde, in alcuni casi al posto delle persone ci furono i robot (ma arrivarono anche le patch casalinghe che riportarono tutto come doveva essere!).

    Il team originale del primo Carmageddon ci riprova, con Carmageddon Reincarnation, ufficialmente annunciato il primo giugno, ma ancora in fase di sviluppo. Il titolo dovrebbe vedere la luce nel corso del 2012 e sarà disponibile, per ora, solo per PC. Ovviamente manterrà il suo stile, condito di humour nero e violenza, ma di una violenza estremizzata e ridicolizzata, molto più digeribile di ciò che si vede in tv o al cinema, e comunque noi gamers sappiamo distinguere molto bene la realtà dalla finzione.

    474

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Hi-TechVideogiochi
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI