Assassin’s Creed Revelations, in uscita trailer per l’Animus Edition

da , il

    E alla fine anche Assassin’s Creed Revelations è giunto in pompa magna negli scaffali dei negozi, in un periodo in cui questi sono già ampiamente forniti a dire la verità; l’offerta videoludica della stagione è agguerritissima poiché vede scontrarsi dei nomi di altissimo livello, con release date davvero ravvicinate; mai come ora la scelta su dove puntare i nostri soldi è stata così dura. In questo caso, il nuovo capitolo della fortunatissima serie creata nei laboratori Ubisoft è uno dei titoli più bollenti sul mercato; si tratta di un brand che, nonostante la giovane età (il primo gioco a portarne il nome è del 2007), in appena tre titoli è riuscito a creare attorno a se un fan base di dimensioni davvero notevoli e a smerciare milioni di copie.

    L’hype per Assassin’s Creed Revelations era da mesi alle stelle, alimentato da rumors, conferme e smentite; finalmente il 15 novembre tutti i nodi vengono al pettine: tempo di chiudere una trilogia di successo.

    Altair, Desmond e Ezio Auditore. Questi sono i nomi che si rincorrono nei quattro titoli marchiati Assassin’s Creed (il primissimo capitolo era dedicato al solo Altair, Ezio, il pronipote, arriverà dal secondo in poi); Revelations per la prima volta li racchiuderà tutti e tre, come personaggi giocabili, all’interno dello stesso titolo. Precisiamo però che Altair sarà presente solo in piccole parti del gioco, un po’ come se fosse una guest star, chiamata a partecipare per rendere più appetibile il gioco. Di fatto Assassin’s Creed Revelations sarà dedicato ad Ezio Auditore, vero protagonista della serie, che con questo titolo andrà a chiudere una trilogia a lui dedicata.

    Il nostro Ezio, all’età di cinquanta anni suonati, non ne vuol sapere di stare fuori dai guai: la sua ricerca dei sigilli, con i ricordi del suo antenato Altair, lo porterà a Costantinopoli. La città è splendidamente ricostruita, il motore grafico Anvil continua ad essere il cuore della serie e in questo quarto capitolo si vanta di alcune, piccole, migliorie: le animazioni sono più fluide e realistiche, i modelli sono più dettagliati e le animazioni facciali donano nuova espressività ai protagonisti. Persiste ancora qualche problemino a livello di frame rate in alcuni frangenti e di pop up. Bazzecole comunque, Assassin’s Creed Revelations è graficamente appagante e convincente.

    L’azione del gioco è più frenetica che mai, Ezio è decisamente in forze per la sua età, pure troppo considerato che sarà davvero difficile capitolare sotto i colpi dei nemici; pilotare Ezio per la città ci da un senso di quasi onnipotenza, le guardie difficilmente riusciranno a fermarci. Questo è possibile anche grazie alle nuove abilità e armi del protagonista: l’hookblade è una specie di rampino, può essere usato sia per spostarsi con rapidità da una parte all’altra ella città sia come arma; il Senso dell’Aquila invece è un’evoluzione del precedente “Occhio dell’Acquila, e consentirà al protagonista di individuare la posizione degli obbiettivi, visualizzarne il percorso fatto in precedenza e prevedere quello che stanno per fare.

    Il multiplayer di Assassin’s Creed Revelations si attesta sui livelli del precedente capitolo Brotherhood, subendo però una doverosa ripulita e potenziamento.

    Oltre all’edizione standard alla Ubisoft hanno ben pensato ad una collector’s edition, chiamata Animus Edition, che farà la gioia dei fan della serie: al suo interno troveremo un’enciclopedia con tutto ciò che riguarda il mondo di Assassin’s Creed, la colonna sonora originale, il corto d’animazione Assassin’s Creed Embers e interessantissimi contenuti speciali di gioco tra i quali spicca la campagna dedicata a Vlad l’Impalatore, il personaggio storico a cui si è ispirato Bram Stoker, dando origine al mito di Dracula. Tutto questo alla cifra di 79,99€ per PC e 99,99€ per PS3 e X360.