Russia: calendario contro la corruzione (foto)

Russia: calendario contro la corruzione (foto)
da in Donne

    Sembra proprio che ormai in Russia (ma non solo, e qui da noi lo sappiamo bene) la politica e le belle donne corrano non solo su strade parallele, ma proprio sulla stessa strada. Nel passato abbiamo già assistito al lancio di diversi calendari con intenti politici, come quelli contro o pro Putin (Auguri Presidente è ormai un oggetto di culto).

    Autori di tutte le iniziative a favore del presidente Putin sono sempre gli stessi, ovvero o i membri del partito giovanile Nashi, che a parole lotta contro la corruzione nella nuova Russia, ma di fatto finora si è distinto soltanto per le sue campagne denigratorie contro presunti nemici della patria o avversari politici di Putin.

    Gli scopi del Nashi non sono quindi sempre così limpidi come si vuole far credere, anche perché proprio tra i politici vicini a Putin si nascondo alcuni dei maggiori indiziati di corruzione. Comunque, Nashi ha lanciato un nuovo calendario per pubblicizzare una manifestazione a Mosca.

    Questo miscuglio di ragazze in abiti succinti e rivendicazioni politiche ha fatto molto discutere in Russia, tra chi lo giudica un buon modo per attirare l’attenzione dei giovani e chi ormai considera il Nashi solo un gruppo di provocatori al soldo del presidente.

    Protagoniste degli scatti sono le stesse attiviste, e la cosa ha fatto sorridere molti blogger, perché il paragone con il calendario per il compleanno di Putin non regge.

    Sarà quel che sarà, ma lo scopo del calendario è preciso, e lo spiega una delle attiviste di primo piano del gruppo, Kristina Potupchik: “Il 19 aprile 2011, 50.000 giovani si troveranno a Mosca, provenienti da tutta la Russia, per solennizzare la nascita del comitato anti-corruzione ‘Grembiuli bianchi’, per simboleggiare la necessità di fare pulizia”.

    In Russia quindi la corruzione si combatte con ragazze in intimo in pose ammiccanti. E se la qualità di alcune delle ragazze scelte per posare lascia effettivamente a desiderare, non si può non constatare che alla fin fine tutto il mondo è paese.

    328

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Donne
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI