Miss Italia, quattro gemelle in gara dopo 15 anni [FOTO]

da , il

    Quattro gemelle a Miss Italia: non si tratta del titolo della prossima commedia dei fratelli Vanzina ma di un fatto davvero raro che è accaduto alle selezioni in corso in Emilia Romagna per la prossima edizione concorso di bellezza nazionale. Non accadeva dal 1997 di poter ammirare sulla passerella due coppie di gemelle in lotta tra di loro per la corona di bella tra le belle, ma per il 2012 avremo Jenny e Jasmine Arcangeli di San Giovanni in Marignano, in provincia di Rimini, e Carlotta e Costanza di Sassuolo, Modena.

    Quella edizione di ormai 15 anni fa è entrata nella storia per aver ospitato ben quattro coppie di gemelle in corsa per il titolo finale, ma da allora non si è più avuta notizia di eventi simili. Jenny e Jasmine Arcangeli sono state le prime ad iscriversi quest’anno, in Emilia Romagna, due belle figliole di 23 anni unite in simbiosi nella vita privata e in quella pubblica (entrambe studentesse magistrali in Economia). Carlotta e Costanza hanno invece 19 anni, e sono gemelle eterozigote, il che vuol dire che non sono poi così simili (tra loro c’è anche una differenza di 10 centimetri nell’altezza).

    Le modenesi non sono alla prima apparizione al concorso, anzi Carlotta ha già vinto anche la fascia di Miluna dopo essersi classificata terza. Ora sono tornate in gare per fare il salto ed aggiudicarsi la finale regionale. Anche Jenny e Jasmine, comunque, sono molto diverse, se non da un punto di vista fisico almeno caratteriale.

    Entrambe hanno una passione per il mondo dello spettacolo, ma mentre Jasmine adora la danza, Jenny ripiega sulla recitazione: “Il rapporto con mia sorella Jenny è caratterizzato da una grande complicità. Ci assomigliamo ma non possiamo definirci due gocce d’acqua. Caratterialmente infatti lei è più tranquilla, io più irrequieta, lei più ostinata e io più permissiva, più fragile lei più forte io. Confrontarci non ci spaventa, anzi, ci diverte”. Il confronto questa volta sarà anche con le altre centinaia di aspiranti Miss.

    Il sogno, ovviamente, è di arrivare entrambe alle fasi finali: “Siamo molto ostinate e convinte che la nostra partecipazione non debba essere un impedimento a noi stesse per il fatto di essere gemelle, abbiamo le stesse opportunità delle altre partecipanti, e soprattutto agli occhi di chi ci conosce siamo due persone differenti per carattere, modo di pensare e di porci con gli altri”. Potrebbero unire utile e dilettevole in caso di vittoria di una delle due: “Ci divideremo la corona. Ho sentito dire che gli impegni della neo eletta sono tanti, potremmo alternarci. In fondo, esteticamente, ci somigliamo notevolmente. Di sicuro sarebbe una divertente curiosità”. Forse è il caso di puntare qualche euro su queste ragazze.