Speciale Natale

Marianela Pereyra, regina del poker, ci ha lasciato in mutande [FOTO]

Marianela Pereyra, regina del poker, ci ha lasciato in mutande [FOTO]
da in Donne
Ultimo aggiornamento:

    Trentatrè anni il prossimo 17 dicembre, una bellezza dirompente ma allo stesso tempo naturale, un talento innato nella comunicazione, un tornado davanti ad obiettivi fotografici e telecamere. Tutto questo e molto di più è Marianela Pereyra, la principessa del poker che Qnm ha raggiunto e intervistato, riscontrando disponibilità e gentilezza. Nata a Buenos Aires pochi giorni prima di Natale nel 1979 da una coppia di ballerini di Tango, la carriera professionale della Pereyra inizia prestissimo. Per motivi di lavoro, la sua famiglia si trasferì negli Stati Uniti lasciando l’Argentina, una scelta che condizionò la crescita della piccola Marianela attratta già in tenera età al mondo dello spettacolo. Le sue doti innate non restarono nascoste per molto tempo; già alle elementari si cimentò in recite scolastiche e rappresentazioni di vario genere a cui seguirono piccoli musical.

    Col passare degli anni arrivarono ruoli più importanti, iniziò la carriera di attrice quasi per caso, è stata assistant producer in spettacoli dal vivo e ballerina appaludita ai tempi dell’Università quando fu scelta tra 300 ragazze per far parte del corpo di ballo al New York’s Apollo Theatre. Laureata con il massimo dei voti alla University of Maryland in Lingue, la Pereyra si dedicò al piccolo schermo lavorando come VJ nel Daily Download in onda sul network Fuse dove ha avuto l’opportunità di intervistare le più grandi star internazionali. Piena di energie e voglia di provare, Marianela non rifiutò neanche contratti come show-girl, giornalista presso il mensile Cosmo Girl e Dj nelle stazioni radiofoniche più importanti di New York e Los Angeles. Ed ora? Con questo curriculum di tutto rispetto nulla è vietato alla bella argentina che è stata catapultata nel mondo del poker diventandone in breve tempo protagonista acclamata. Grazie al suo modo diretto di approcciarsi, la sua eleganza, competenza e avvenenza, la Pereyra ha superato brillantemente l’esame PPV, il World Series of Poker esteso al continente europeo dal 2007. Lei è stata una madrina all’altezza, tanto da convincere i produttori del Poker After Dark ‘s (PAD) a ingaggiarla senza remore. Vediamo cosa ci ha risposto l’icona del poker moderno che con stile e professionalità si è fatta apprezzare anche in questo mondo.

    1) Com’è stato il suo esordio come presentatrice del WPT di Venezia?

    Il mio primo evento del WPT a Venezia è stato assolutamente fantastico e magico! Ho condotto molti programmi nella mia vita, ma mai da uno dei più antichi e bei Casinò del mondo, il Casinò di Venezia. Il Carnevale, poi, è stata la ciliegina sulla torta!
    Sono stata felicissima che il mio primo evento WPT si sia svolto a Venezia, perché ho tanti fan in Italia, che mi danno molto affetto e mi fanno sentire come a casa. E finalmente ho incontrato Flavio Zumbini per la prima volta! È stato così carino, mi ha regalato un bellissimo maglione Argyle accompagnato da un biglietto dolcissimo, che gentiluomo!
    Lavorare con Mike e Vince è stato fantastico e tra noi c’è una grande sintonia. Grazie ai suggerimenti di Max Pescatori e Flavio Ferrari Zumbini, abbiamo trascorso una fantastica cena da Fiaschetteria Toscana di cui parliamo ancora oggi! Il mio primo WPT nella magica città di Venezia è un caro ricordo che conserverò per sempre…davvero indimenticabile!

    2) Com’è stato passare dalla conduzione di “Poker after dark” a quella del WPT?

    Il WPT è un’esperienza totalmente diversa dal Poker After Dark. Con il World Poker Tour ho avuto l’opportunità di viaggiare e vedere alcuni dei più favolosi casinò in tutto il mondo, per uno dei più prestigiosi circuiti di poker. Ho avuto l’opportunità di incontrare tantissimi nuovi giocatori e fan e stringere tante nuove amicizie. Poker After Dark è stato grandioso, che riuniva campioni intorno a un unico tavolo per contendersi la gloria e portare a casa il montepremi di $120,000. Ma il WPT può cambiare la vita delle persone e crea campioni. È un torneo in cui sia i professionisti che i giocatori amatoriali hanno la possibilità di vincere una grande somma e un prestigioso titolo che sognano in molti.
    Ho registrato la terza stagione di Poker After Dark nel casinò di South Point in circa 10 giorni. Con il WPT ho viaggiato costantemente intervistando i giocatori e commentando i final table con Mike e Vince. Due stili di show completamente diversi, ma con una cosa in comune.. IL MIO AMORE PER IL GIOCO.

    3) Che accoglienza ti hanno riservato Mike Sexton e Vince Van Patten, celebri presentatori del WPT?

    Non dirò decanterò mai abbastanza Mike e Vince. Mi hanno fatto sentire veramente parte della famiglia, sia dentro che fuori dallo show. Sono umili e dolci ed è un piacere stare con loro.

    Mi invitavano sempre a cena o a qualsiasi evento a cui partecipavano e mi mancherà il tempo passato con loro! Gli auguro tutto il bene del mondo!

    4) Sostituire la popolarissima Kimberly Lansing è stato difficile? E in che modo hai affrontato questa avventura?

    È stato un onore sostituire Kimberly. Non è stato difficile per me, perché sono nel mondo del poker da un bel po’ di tempo e ho una forte passione e conoscenza del gioco e dei giocatori. Non mi sono mai preoccupata in nessun modo di essere una buona sostituta perché, sinceramente, posso solo essere “me stessa” in tutto quello che faccio. Questa è la casa di Kimberly e io ho solo fatto la guardia mentre lei non c’era! So che è molto felice di essere tornata e sono grata di aver avuto l’opportunità di questa esperienza, perché è stato un grande viaggio!

    5) Hai alle spalle già una lunga carriera nel mondo dello spettacolo e delle emittenti televisive. Modella, assistant producer, VJ, DJ, giornalista, per nominare solamente alcune delle attività da te svolte in questi anni. Puoi dirci in che modo sei approdata al poker e cosa ti ha spinto ad accettare la conduzione di programmi del genere?

    Mi è sempre piaciuto di questo gioco e ho cominciato a giocare molto al College. La mia prima opportunità nel mondo del poker è stata la telecronaca durante il final table in live del World Series 2007 con Phil Gordon e Oliver Nejad. È stata una grande esperienza in cui ho incontrato il fondatore del PAD, Mori Eskandani.
    Dopo il PAD ho avuto l’occasione di condurre il LAPT e ora il WPT. Sono entrata anche nel mondo delle corse NASCAR, ho avuto l’opportunità di condurre eventi di poker per beneficenza e giocare con i piloti. Non importa cosa farò o dove andrò, il poker farà sempre parte della mia vita.

    6) Tutti ti considerano bella, brava e simpatica, la tua prontezza di spirito e la tua professionalità sono sempre state messe a pari merito con la tua bellezza. Ma quanto è stato importante per te l’aspetto fisico?

    Provengo da una famiglia di medici e anche se non fossi in televisione, la salute per me è estremamente importante. Certo, apparendo in televisione bisogna essere sicuri di curare il proprio corpo, ma io lo faccio più dal punto di vista salutistico che per motivi estetici. E non è male essere anche la tantissimo tempo e sono una persona molto attiva. Mi piace fare surf, escursioni, e yoga, andare ai corsi di ballo e giocare a tennis. Amo mangiare, e sto molto attenta a prendere le giuste decisioni su cosa così come sulla qualità del cibo che mangio. Non sto attenta al fisico perché sono in TV, lo faccio perché amo essere attiva, mangiare bene e più di tutto perché mi rende felice! Voglio avere una buona qualità di vita ora e in futuro.
    Ricordate che avete solo un corpo quindi dovete prendervene cura!!!

    1270

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Donne

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI