Lato B perfetto: è quello a pesca o a pera?

da , il

    Il lato B perfetto è la chimera ricercata dall’alba dei tempi dalla popolazione maschile. Un regale posteriore (che sia un lato B a pesca o un lato B a pera) da sempre rappresenta una delle armi di seduzione più potenti nelle mani delle donne, ma se il mondo si divide tra chi guarda prima il seno e chi il lato B, anche tra gli amanti del fondoschiena lo schieramento non è compatto. L’occhio lo sa benissimo, non esiste un solo tipo di sedere: il lato B più bello è il lato B a pesca o il lato B a pera? Questo è il dilemma.

    Ammettiamolo, non c’è nulla di sbagliato o di brutto: un lato B bellissimo, grande, spettacolare è nei sogni di ogni maschietto fin dalla più tenera età. Alcuni, crescendo, dirottano le proprie preferenze sulla biancheria e privilegiano i lati B in bikini, in jeans attillati, in perizoma nero, in leggins o in tanga. Altri invece preferiscono quello delle atlete, che siano tenniste o nuotatrici, sciatrici o ginnaste.

    Gli ortaggi sembrano andare per la maggiore quando si parla di lato B, e osservare con attenzione la fauna femminile alla ricerca della perfezione non è impresa da poco. L’audace che voglia impegnarsi in questa missione deve essere in possesso di occhio clinico e attitudine all’analisi dei minimi dettagli, perché spesso la differenza tra una tipologia e l’altra si nasconde nei particolari meno evidenti. Per comprendere meglio le diverse tipicità delle varie forme, può essere utile qualche esempio dalla vita vera.

    Secondo i più importanti esperti in fatto di posteriore femminile, il lato B perfetto sarebbe quello a pesca. Sono portatrici sane di questo tipo di lato B celebrità come Irina Shayk, la fidanzata di Cristiano Ronaldo che al momento è considerata la donna più sexy del pianeta Terra, ma anche la nostrana Elisabetta Canalis e la modella di Victoria’s Secret Rosie Huntington-Whiteley, ammirata al cinema nell’ultimo Transformers. Caratteristica fondante di questa classe è l’assoluta simmetria dei due lati del fondoschiena, che unita alla tenuta soda rendono il lato B in questione simile a una pesca, appunto.

    Il lato B a pera tende verso una maggiore morbidezza delle curve, non è così sodo e rende proprio l’idea di una pera. Si tratta della tipologia che più insidia la pesca nel concetto di perfezione, ed è sfoderato da donne divine come Kelly Brook, Sofia Vergara, Jennifer Lopez, insomma non proprio bellezze slim ma donne giunoniche e con tutte le forme al posto giusto. Quale dei due sia migliore è anche questione di gusti personali, visto che ci troviamo in entrambi i casi su livelli altissimi.

    Scendendo verso il basso nella graduatoria della gradevolezza troviamo poi il lato B a pomodoro (stile Nina Moric, ad esempio), seguito da quello basso e piatto, che pur non aspirando alla perfezione comunque ottiene riscontri favorevoli nel pubblico maschile. Detto questo, non vi resta che fare la vostra scelta: lato B a pesca o lato B a pera? Per aiutarvi, abbiamo preparato una gustosa galleria fotografica, perché la frutta fa bene alla salute.