I (veri) motivi per uscire con una ragazza dell’Est

da , il

    I (veri) motivi per uscire con una ragazza dell’Est

    Quali potrebbero essere i motivi per uscire con una ragazza dell’Est? Era pressapoco questo il titolo del servizio andato in onda lo scorso sabato sul popolare programma di Rai 1 Parliamone Sabato. Il talk show condotto da Paola Perego tratta ogni settimana temi di attualità e interesse sociale, ma questa volta la produzione è scivolata su un tema alquanto attuale e delicato. Infatti il servizio andato in onda elenca, in maniera decisamente poco rispettosa del gentil sesso, ben 6 diversi motivi per cui sarebbe vantaggioso sposare una donna dell’Est Europa.

    Il caso donne dell’Est, le reazioni a caldo

    Di fronte a questo elenco di barbarie maschiliste, legate a una concezione quasi arcaica dei rapporti, tutti i canali di informazione e gli enti interessati hanno gridato allo scandalo: anche ai piani alti della televisione nazionale non hanno gradito l’ambiguo servizio, come dimostrano le scuse ufficiali di Andrea Fabiano e Monica Maggioni, rispettivamente Direttore di Rai 1 e Presidente Rai. Infine, la bufera sul servizio andato in onda sabato, ha portato alla chiusura del prorgramma condotto da Paola Perego. A darne l’annuncio il compagno e suo agente, Lucio Presta, su twitter.

    Tuttavia non è tanto la domanda, in sé innocua, ad aver acceso il dibattito televisiovo e mediatico, quanto la risposta fornita dagli autori del popolare talk show. Potrebbero infatti esistere molti e decisamente più validi motivi per uscire con una ragazza dell’Est, senza per questo ricadere in banali stereotipi o ignoranti sessismi.

    Buona educazione, ma anche cultura europea e umiltà

    Infatti contrariamente a quanto intuibile dal servizio di Rai 1, le donne dell’Est Europa possiedono per esempio un ottimo livello di educazione media, con un tasso di alfabetizzazione medio del 96,7% e un sistema educativo che rispetta pienamente i punti cardine indicati dall’Efa (Education for all): l’unico problema riguarda il numero di abbandoni scolastici, come del resto in tutta Europa, ma si tratta comunque di una cifra relativamente bassa e nella media del Vecchio Continente. Ottime anche le statistiche riguardanti la crescita economica e il Pil pro capite, dati inferiori rispetto ai Paesi dell’Europa occidentale ma allo stesso tempo segnali di un tenore di vita in rapido cambiamento.

    L’Est Europa e lo spettro della guerra

    Le donne dell’Est inoltre, come tutti gli abitanti della zona balcanica, vengono da un recente passato complesso e legato in primo luogo a grandi eventi bellici. Che sia la guerra nella ex Jugoslavia, forse il più brutale conflitto dell’intera storia moderna, o la più recente invasione di Crimea, l’Est Europa è erede di un passato che ha lasciato cicatrici profonde anche sulla gente: si tratta infatti solitamente di persone pratiche, umili e aperte ai bisogni degli altri, doti che hanno contribuito ad aumentare il fascino idealizzato di queste genti.

    La gelida bellezza di Irina Shayk e delle donne dell’Est

    Anche questo come tutti gli stereotipi non è sempre vero ma solitamente sul vero si fonda: in effetti la famosa bellezza dell’Est, rintracciabile nei duri tratti somatici balcanici, è rinomata in tutto il mondo dalla moda al cinema: basti pensare a donne come Irina Shayk, Barbara Palvin o le icone degli anni ’90 Eva Herzigová, Milla Jovovich, considerate tra le modelle e attrici più amate al mondo e tutte provenienti dall’Est Europa.

    Il poliglottismo delle donne dell’Est

    Infine le donne dell’Est sono solitamente e naturalmente ottime poliglotte, in quanto già hanno vissuto in zone geografiche dove il possesso di più lingue è una necessità: inglese, russo, italiano, romeno, tedesco, polacco sono solo alcuni dei più diffusi idiomi da loro solitamente usati, un altro dato che indica una mente svelta e costituisce ovunque una utilissima referenza lavorativa. Esistono insomma molti e validi motivi per uscire con una donna dell’Est, ma certamente non quelli elencati da Paola Perego. E comunque, alla fine, se son rose fioriranno..