Celebrità per la Peta: senza veli in difesa degli animali [FOTO]

da , il

    Difendere i diritti degli animali è un compito che la Peta porta avanti da ormai 30 anni con grande successo. Successo dovuto anche al nome delle testimonial che hanno prestato volto e corpo per le numerose campagne di sensibilizzazione che l’organizzazione no-profit produce senza sosta. Vivisezione, abuso di carne nell’alimentazione e produzione di pellicce sono i grandi nemici della Peta, che riesce a rendere il tutto a livello visivo grazie alle curve delle celebrità che hanno sposato la causa degli animali.

    Una delle campagne più recenti ha visto protagonista la nostra Elisabetta Canalis che, al grido di “I’d rather go naked than wear fur”, ha fatto il giro del mondo con una serie di scatti senza veli che mettono in mostra il suo corpo sensuale. Il motto della Peta, che invita le donne ad andare in giro nude piuttosto che indossare pellicce, è una manna per la popolazione maschile, che può così abbracciare una giusta causa ammirando al contempo donne bellissime senza veli. Elisabetta Canalis è infatti solo l’ultima di una lista chilometrica.

    Una delle più accese attiviste della Peta è l’eterna bagnina Pamela Anderson che, tolto il bikini di Baywatch, ha posato più e più volte per le campagne di sensibilizzazione contro la vivisezione. Insieme a lei una folta schiera di attrici, volti noti della cultura e della televisione e persino qualche sportiva. Lo stile di vita vegetariano potrà anche non piacere, ma non si può negare che il messaggio risuoni più suadente quando affidato alle curve di Olivia Munn, Holly Madison o Eva Mendes.

    Ogni uomo potrà trovare nella galleria fotografica la sua beniamina preferita. Vi piacciono le modelle? Ecco Kelly Brook, Joanna Krupa e Sherydin Fisher. Vi piacciono le attrici? Scegliete tra Olivia Munn, Sophie Monk, Lisa Edelstein e Alicia Silverstone. Sono le sportive ad attirare la vostra attenzione? C’è l’imbarazzo della scelta con Amanda Beard e le atlete della Lingerie Football League. Una scelta di cuore, per i diritti degli animali.