Amsterdam, prostitute ballano contro lo sfruttamento sessuale [VIDEO]

da , il

    Un flash mob in versione quartiere a luci rosse, questo propone in sostanza uno dei video che spopola in questi giorni su YouTube. Si tratta di Girls going wild in red light district, girato ad Amsterdam da un’agenzia pubblicitaria belga, la Duval Guillaume Modem, su commissione dell’organizzazione Stop the Traffik che si batte contro lo sfruttamento sessuale e il mercato clandestino degli esseri umani. In scena un gruppo di prostitute in vetrina che ballano e lanciano sorrisi.

    Se ad una visione superficiale il video potrebbe sembrare solo una simpatica trovata pubblicitaria, l’intento dell’operazione è ben diverso, e mira a denunciare un fenomeno vergognoso, quello della tratta delle donne. Ad Amsterdam le prostitute sono regolarizzate, hanno diritti e doveri e soprattutto non sono costrette in strada, però dietro il giro ci sono sempre interessi loschi e la mano della malavita. Il filmato sembra raccontare una tranquilla serata nel celebre quartiere a luci rosse della città olandese, meta ogni giorno di centinaia di uomini (ma anche donne) in cerca di emozioni.

    Poi improvvisamente parte una musica elettronica a tutto volume e le prostitute dietro le vetrine prendono vita, si animano e iniziano a ballare ammiccando e lanciando sguardi e sorrisi ai passanti, stupiti dal ritmo travolgente delle ragazza. Applausi, foto e urla di entusiasmo accompagnano la performance, ma il tutto viene smorzato quando la danza viene interrotta bruscamente e dietro le donne compare un messaggio atroce: “Ogni anno a migliaia di donne è promessa una carriera da ballerina nell’Europa occidentale. Purtroppo poi finiscono qui”. Ecco il video che sta spopolando in rete.