Via Lattea, scoperti più di 10 miliardi di pianeti abitabili

da , il

    Via Lattea, scoperti più di 10 miliardi di pianeti abitabili

    Tanti anni fa il buon Morgan cantava “è praticamente ovvio che esistano altre forme di vita”. Una affermazione che è anche la speranza di tutti quegli uomini che da secoli alzano lo sguardo al cielo e si chiedono se da qualche parte lì fuori nello spazio esista un altro pianeta abitabile. Se non proprio come la Terra almeno in grado di ospitare qualche altra forma di vita. Questa ricerca rappresenta uno degli impegni più concreti della moderna astronomia, e secondo una recente ricerca i possibili pianeti sosia della Terra sarebbero decine di miliardi nella sola Via Lattea.

    A fornire per la prima volta una stima di questo tipo è stato l’Osservatorio Europeo Meridionale (Eso), situato in Cile, attraverso una pubblicazione sulla rivista Astronomy & Astrophysics. I conti sono stati realizzati da un gruppo di ricerca internazionale sui dati forniti da Harps (High Accuracy Radial velocity Planet Searcher), avveniristico strumento posto sul telescopio da 3.6 metri dell’Eso che funziona come un cacciatore di pianeti. I ricercatori hanno puntato il super telescopio verso le nane rosse, le stelle più comuni della Via Lattea (circa l’80% del totale delle stelle della galassia).

    Dopo sei mesi di osservazioni i ricercatori hanno stabilito che circa il 40% delle nane rosse ha in orbita anche un pianeta simile alla Terra nella zona in cui esistono le condizioni per il mantenimento dell’acqua allo stato liquido. Dall’analisi di oltre un centinaio di stelle nane rosse sono state riscontrate nella fascia di abitabilità una decina di pianeti gemelli della Terra, pur di massa fino a 10 volte più grande. Da qui la stima: visto che il numero di nane rosse nella sola Via Lattea è di circa 160 miliardi, dovrebbero esistere almeno 10 miliardi di possibili pianeti abitabili. Di queste un migliaio sono vicine a noi, in un raggio inferiore ai 30 anni luce. Aspettiamo tutti il giorno in cui queste nuove Terre si potranno anche colonizzare.