NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Vaticano: imbarazzo per il nome dell’ambasciatrice

Vaticano: imbarazzo per il nome dell’ambasciatrice
da in News
Ultimo aggiornamento:
    Vaticano: imbarazzo per il nome dell’ambasciatrice

    Finalmente anche dal Vaticano arriva una notizia in grado di far nascere un bel sorriso sulle labbra di chi legge. Grande protagonista di questa vicenda è il governo spagnolo, che per la prima volta ha nominato una donna come ambasciatrice del Paese presso la santa sede a Roma.

    Potrebbe sembrare la classica notizia che mostra quanto in Spagna siano avanti rispetto a noi, e invece il tutto nasconde un risvolto surreale che sta mettendo in grave imbarazzo proprio i membri del Vaticano. Il delicato incarico è stato infatti assegnato all’ex-sottosegretaria agli esteri, una donna di spicco di 59 anni, che però presenta un problema.

    E il problema è il nome, visto che si chiama Marìa Jesùs Figa. Si, esatto, avete letto bene, proprio Figa. La rappresentante presenterà ufficialmente le sue credenziali a Benedetto XVI il prossimo 16 aprile 2011, ma negli ambienti romani già si spreca l’imbarazzo.

    Ovviamente in Spagna non potevano sapere del significato del termine Figa nel nostro Paese, e probabilmente anche sapendolo non avrebbero mai immaginato che avrebbe creato un tale scalpore. Aggiungiamo pure che tra Vaticano e governo socialista spagnolo i rapporti non sono mai stati dei migliori, e la frittata è servita.

    Insomma, sembrerebbe quasi uno scherzo crudele da parte di Zapatero e dei suoi colleghi, mandare una donna chiamata Figa al cospetto del Papa, che da sempre cerca di mantenere immacolato il suo mandato. Quasi una vendetta per le tensioni dovute alle leggi sull’aborto e le coppie omosessuali.

    Una volta che anche in Spagna sono venuti a conoscenza del disguido, tra le risate generali, molti hanno consigliato all’ambasciatrice di utilizzare il suo secondo cognome, Lopez. Intanto come ovvio l’ilarità si è sparsa per il web, e c’è chi già sfiora la blasfemia con le più ovvie battute del caso (che vi risparmiamo). Per la serie: solo in Italia succedono queste cose.

    325

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News
    PIÙ POPOLARI