Usa, allarme zombie: nasce la mappa di rischio cannibali

da , il

    Usa, allarme zombie: nasce la mappa di rischio cannibali

    Cosa sta succedendo negli Stati Uniti? Siamo davvero davanti a un’invasione di zombie, come sembra prospettare con grande fantasia la stampa? Non c’è dubbio che alcuni avvenimenti di cronaca nera negli ultimi giorni abbiano creato molto scalpore: uomini in stato di trance totale che aggrediscono i passanti cercando di mangiare la loro carne, studenti che uccidono gli amici per poi mangiare il cuore. Psicosi o rischio di epidemia di zombie cannibali? Nel dubbio, c’è chi ha creato una mappa del rischio.

    Sarà per il successo della serie Tv The Walking Dead, sarà che il cinema horror ha sempre rivestito un ruolo importante nella cultura di massa a stelle e strisce, fatto è che da qualche settimana si parla sempre più spesso di apocalisse zombie. Altro che Maya, saranno i nostri simili a distruggere l’umanità. Le cronache sono piene di strani casi: a Miami un uomo è stato fermato mentre divorava il volto di una persona senza fissa dimora; a Baltimora un altro uomo ha ucciso il suo compagno di stanza, per poi mangiarne il cuore e le parti del cervello; in Canada un attore ha ucciso un collega, lo ha smembrato e ne ha mangiato alcuni pezzi per poi spedirne altri via posta a ignari destinatari.

    Tempo fa per strada è stato fermata una persona che, palesemente alterata, si era mutilata con un coltello gettando le interiora ai passanti. Delirio di massa o c’è qualcosa dietro? La risposta è molto più semplice: eventi del genere succedono purtroppo spesso, ma solo il caso ha voluto che si concentrassero tutti nello stesso periodo. C’è però chi non la pensa così, e parla di epidemia che trasforma gli uomini in animali senza ragione dotati di solo istinto di sopravvivenza. La polizia, dopo alcuni accertamenti sull’uomo fermato mentre mangiava il volto di un senza tetto, ha parlato della presenza di tracce di un nuovo tipo di droga sintetica, come possibile causa dell’istinto cannibale.

    Insomma, l’aria per le strade americane diventa sempre più pesante, e non bastassero i pazzi che si armano e sparano senza movente, ci si mettono anche i cannibali e gli zombie. I segni di una prossima apocalisse sarebbero evidenti. Noi, pur scettici, ci limitiamo a mostrarvi la mappa delle zone a rischio, come elaborata da alcuni siti americani. Per sapere come sopravvivere, consigliamo una visione ripetuta dei film di George Romero.