Tokyo città più cara del mondo per gli stranieri nel 2011

da , il

    Tokyo città più cara del mondo per gli stranieri nel 2011

    Chi pensava che gli eventi tragici del marzo 2011, con terremoti, tsunami e rischio nucleare avessero influito sul costo della vita in Giappone, portando i prezzi al ribasso a causa della crisi economica, si sbagliava di grosso. Il Paese del Sol Levante continua ad essere una meta proibitiva per gli stranieri, con Tokyo a dominare la speciale classifica.

    Come ogni anno, ecco arrivare anche per il 2011 lo studio di ECA International, la più grande organizzazione operante nella gestione delle risorse umane internazionali, sulle città più care per i cosiddetti expat, ovvero coloro che risiedono temporaneamente o in maniera definitiva all’estero.

    Non si parla di turisti, ed il dato è quindi più interessante perché evita quelle distorsioni dovute al trattamento “speciale” a base di prezzi gonfiati che i turisti ottengono in alcuni Paesi. La classifica è dominata dal Giappone, che presenta ben quattro città nelle prime dieci.

    La classifica della Eca International è stata stilata a partire dalla comparazione del costo della vita di 400 città del mondo, prendendo in considerazione un paniere medio composto da beni di consumo e servizi. Alle spalle di Tokyo troviamo la città europea più cara in assoluto, ovvero Oslo. Da notare che delle città europee presenti in top 10 due sono norvegesi e tre svizzere, segno che questi due Paesi sono in assoluto i più proibitivi.

    Strano ma vero nelle prime posizioni non c’è Londra, considerata nel pensare comune una delle città più care (a causa della sterlina), ma che in verità si posiziona a sorpresa solo al 50esimo posto, molto meno cara di altre metropoli europee come Mosca (14esima), Parigi (20esima), Berlino (35esima) e Bruxelles (39esima).

    Proseguendo la classifica delle prime dieci città più care del mondo troviamo dunque Nagoya (Giappone), seguita da Stavanger (Norvegia), Yokohama (Giappone), Zurigo, Luanda (Angola), Ginevra, Kobe (Giappone) e Berna. Buone notizia per gli stranieri in Italia, visto che il Belpaese non si piazza ai vertici della classifica, con Roma che perde addirittura cinque posizioni rispetto all’anno scorso (43esima), mentre Milano e Torino sono rispettivamente 55esima e 88esima.

    Come mai l’Europa è in generale tanto più economica dei Paesi asiatici (per non parlare dell’America, davvero lontana dai vertici in quanto a costo della vita per stranieri). Il dato è dovuto alla debolezza dell’euro sulle altre monete nell’ultimo anno, che ci rende più economici ma al tempo stesso ci penalizza quando ci rechiamo all’estero.

    L’influenza della crisi economica ad esempio fa sì che che in America la città più cara sia Caracas (15esima nella classifica generale a causa dell’inflazione), molto più costosa tanto per dirne una del distretto di Manhattan a New York, considerato da sempre uno dei luoghi più spenna-soldi del pianeta.

    Foto AP/LaPresse