Sms della morte, chi risponde muore: panico in Nigeria

da , il

    Sms della morte, chi risponde muore: panico in Nigeria

    Chi ha visto il film The Ring avrà subito pensato alle atmosfere di questo splendido film horror nel leggere il titolo dell’articolo. La maledizione di Sadako, infatti, veniva trasmessa attraverso una videocassetta: chi vedeva il filmato riceveva un telefonata e sette giorni dopo moriva. In Nigeria hanno pensato di imitare il film.

    Da qualche tempo si è scatenato il panico nel Paese africano perché pare che stia andando avanti una sorta di catena della morte che si scatena attraverso gli sms. Tutti noi siamo abituati a ricevere un gran numero di messaggi sul telefono cellulare, comprese le famigerate catene di San Antonio, che oggi si sono spostate anche sui social network.

    Questa presunta maledizione nigeriana funziona proprio come una catena. Il sistema funziona così: chi riceve il famigerato sms viene avvertito della possibilità di ricevere una telefonata da un certo numero sconosciuto. Mai e poi mai devono rispondere alla chiamata, pena la morte.

    Chi alza la cornetta scoprirà infatti che da quel numero si emana una sorta di virus che viaggia attraverso le onde, in grado di portare alla morte in pochissimo tempo (non è chiaro se anche qui siano sette giorni). Qualunque persona sana di mente a questo punto capirebbe che si tratta di una bufala, che come tale deve essere trattata.

    E invece no, perché in Nigeria si è scatenato il panico, tra persone che non rispondevano più al telefono e altre che, nel dubbio, tenevano sempre il cellulare spento. Una vera e propria fobia da sms che ha costretto il governo ad intervenire con una comunicazione apposita in cui si assicurava la popolazione che non esiste alcun virus in grado di propagarsi via telefono.

    Questa notizia dimostra comunque come il potere e la suggestione delle catene siano in grado di muovere le grandi masse. Un po’ quel che accade su Facebook quando i vostri contatti iniziano a postare sulla propria bacheca lo stesso messaggio invitando poi a condividerlo. Anche lì c’è sempre di mezzo qualche virus o un piano per la distruzione del pianeta.