NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Serpente-pene, un nuovo strano essere spunta in Amazzonia [FOTO]

Serpente-pene, un nuovo strano essere spunta in Amazzonia [FOTO]
da in News, Scienze e Misteri
    Serpente-pene, un nuovo strano essere spunta in Amazzonia [FOTO]

    La natura continua a regalare nuove sorprese, sotto la forma di specie di animali mai visti prima e dalle sembianze quantomeno singolari. Dopo il pesce pene, che tanto sembra andare di moda sulle tavole asiatiche, ecco arrivare il serpente-pene, un altro esempio di come gli animali possano somigliare all’organo riproduttivo maschile. La notizia della scoperta di questo serpente è stata data di recente, rendendo la “man-aconda” un vero fenomeno su Internet.

    Se il simpatico Penis Fish, il pesce pene, viene dall’Oriente, bisogna quindi spostarsi in Sud America per trovare suo cugino, il serpente-pene. Si tratta di uno strano tipo di salamandra, fino ad oggi sconosciuto anche agli zoologi e ritrovato mentre alcuni esperti stavano esaminando una diga idroelettrica in Amazzonia. Il soprannome deriva come prevedibile dalla sua forma e dal suo colore, tanto particolari da farlo sembrare proprio un lungo pene maschile. Una grande scoperta scientifica, almeno a sentire la comunità di studiosi che hanno preso in consegna i sei esemplari raccolti sul fondo del fiume Madeira, in Brasile.

    In verità la scoperta risale a quasi un anno fa, ma è stata resa nota solo ora perché gli esperti volevano essere sicuri di trovarsi davanti a una nuova specie e non a qualche strano incrocio biologico (o peggio ancora una burla). La salamandra “serpente-pene” conferma ancora una volta come il mondo naturale possa riservare continue sorprese, e per merito della sua forma così particolare è diventata subito oggetto di culto su Internet, al pari del Penis Fish e di altre stranezze animali che tanto piacciono agli internauti.

    Al momento non si sa ancora niente della storia del serpente-pene, delle sue abitudini e della sua origine, come confermato da Julian Tupan, biologo per la società Energy Santo Antonio, responsabile della costruzione della diga nella regione brasiliana: “Dei sei che abbiamo raccolto, uno è morto, tre sono stati rimessi in libertà e altri due sono stati tenuti per gli studi. Pensiamo che l’animale respiri attraverso la pelle e si nutra probabilmente di piccoli pesci e vermi, ma non c’è ancora nulla di provato. L’Amazzonia è una scatola di sorprese quando si tratta di rettili e anfibi. Ci sono ancora molte cose da scoprire”. A quando l’uccello-pene?

    403

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN NewsScienze e Misteri
    PIÙ POPOLARI