Santino Bozza, leghista shock contro i gay: “Sono sbullonati” [VIDEO]

da , il

    Santino Bozza, leghista shock contro i gay: “Sono sbullonati” [VIDEO]

    Lo avevamo detto solo ieri, il programma di Radio 24 La Zanzara sta diventando il microfono dei personaggi più deliranti del panorama italiano. Se ieri avevamo parlato di Mario Borghezio, oggi è il turno di un altro esponente della Lega Nord, partito con più alta concentrazione di casi disperati. Stiamo parlando di Santino Bozza, che si scaglia contro i gay sciorinando frasi che da un lato lasciano basiti e dall’altro fanno sorridere per la loro banalità.

    Omofobia a tutto spiano dai microfoni della trasmissione, con Bozza, bossiano doc, che esordisce con un’affermazione che lascia poco spazio alle interpretazioni: “I gay? So purtroppo che esistono, loro sono malati, diversi, sbullonati. Se li vedo baciarsi, sputo a terra per lo schifo”. Discriminazione di basso livello oppure segnale d’allarme che parla di un clima di intolleranza sempre più pressante? Forse entrambe le cose, ma quel che resta davvero è lo sdegno per frasi del genere pronunciate nel 2012:

    “A me non piacciono per niente i gay, guai se ce ne fossero nella Lega. Vedo che la sinistra ne è piena, persino tra i dirigenti come Vendola e Grillini. Non accetto che vengano riconosciuti o vadano nelle piazze e nei giardini accarezzandosi e toccandosi tra di loro in presenza dei bambini. Li vedo in pubblico fare atti osceni per la strada, ai giardini. Stiamo dando loro tutta questa libertà che io non ritengo una bella cosa. Ma appartatevi e andate fuori dalle palle, no?”.

    Quale sarà mai allora la vera natura degli esseri umani secondo Santino Bozza? “La donna ha la vagina e l’uomo ha il pene, tutto il resto è solo sesso e porcherie. Due uomini che fanno l’amore le sembra amore? E’ schifezza quella lì. Lei la penna dove la mette? Nel calamaio, no? Sta cambiando il mondo, ma che c… di mondo è?”. Nessuna paura di denunce, atteggiamento che conferma l’arroganza di tanti politici che si sentono al di sopra della legge e dell’opinione pubblica che pure dovrebbero rappresentare.

    Alla fine di questo sproloquio, quel che resta è solo l’amara sensazione che ancora una volta una persona ha perso l’occasione per tacere e fare bella figura. Se proprio ci tenere, ecco il video dell’intervista.