Ryanair: pubblicità prende in giro Berlusconi

Ryanair: pubblicità prende in giro Berlusconi
http://www.qnm.it/wp-content/uploads/2011/06/ryanair-berlusconi.jpg

Ryanair Berlusconi

Non c’è pace per Silvio Berlusconi, che dopo aver perso nettamente la battaglia personale delle elezioni amministrative si ritrova protagonista delle più disparate parodie e prese in giro, e non solo in Italia. Un politico dovrebbe tenere conto della scarsa considerazione di cui gode, ma lui va avanti imperterrito. E diventa facile bersaglio, anche come testimonial involontario.

E’ quanto è successo subito dopo le elezioni con la Ryanair, compagnia aerea low cost, che ha preso una sua immagine per portare avanti le promozioni sul sito. L’azienda irlandese prende a prestito uno scatto del premier in un momento di stanchezza durante una seduta parlamentare, trasformandola in un fumetto, con tanto di nuvoletta.

Nella nuvoletta il pensiero di Berlusconi dopo la batosta elettorale: “Solo una cosa mi tirerebbe su in questo momento!”. Il riferimento evidente è alla sua passione per le donne, e infatti sotto la foto campeggia lo slogan “Una Scappatella 12 euro con Ryanair”.

La Ryanair peraltro non è nuova a queste strategie di marketing (ironicamente ribattezzate marketing-satirico) basate sulla presa in giro del personaggio di turno colpito da notizie di attualità particolarmente sfavorevoli. Ricordiamo ad esempio la polemica nata per l’utilizzo del volto di Valentino Rossi per pubblicizzare i voli Roma-Londra, dove il motociclista si era trasferito per vantaggi fiscali.

Voli a costo zero per cui era previsto solo il pagamento delle tasse, e quindi con uno slogan facile facile: “Ritorno a casa con Ryanair e pago solo le tasse!”. Lo stesso Berlusconi era già stato protagonista di una campagna, sempre con riferimento alle donne, nel 2009: una foto lo ritraeva accompagnato da belle donne con il fumetto “Ma certo… vi porterò tutte in Europa”.

Infine, meno ironico e molto più sarcastico e polemico è stato l’utilizzo di Umberto Bossi, nel periodo in cui ci fu la polemica sul quasi fallimento dell’Alitalia e sulla difesa di Malpensa da parte della Lega. Bossi campeggia con tanto di dito medio e la frase “Il ministro Bossi ai passeggeri italiani: Il Governo supporta le altre tariffe di Alitalia, supporta i frequenti scioperi di Alitalia, se ne frega dei passeggeri italiani”.

Come per le occasioni precedenti, anche stavolta ci aspettiamo una dura polemica da parte del presidente del consiglio, ma comunque non possiamo non sottolineare la feroce genialità dei creativi Ryanair (che peraltro anche all’estero non scherzano, e Sarkozy e Zapatero ne sanno qualcosa).

Segui QNM

408

Pubblicato da Mario Bello il 03/06/2011 in: Attualità, Politica, Silvio Berlusconi

Leggi di più : Ryanair

COMMENTI ()
Sondaggio della settimana

Dove andrai in vacanza?

Vota
Loading ... Loading ...

© 2008-2014 QNM, tutti i diritti riservati - Trilud S.p.A. - P.iva: 13300290155. Privacy

|Redazione

| Contattaci

| Pubblicità su QNM

| Google+

rss

QNM, supplemento alla testata giornalistica Tuttogratis.it registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08