Renzo Bossi, Trota spiega i nuovi media: video cult

Renzo Bossi, Trota spiega i nuovi media: video cult
da in News, Politica
Ultimo aggiornamento:

    L’importanza dell’utilizzo dei nuovi media in ambito politico è una questione ancora aperta in Italia. Mentre altrove (vedi Barack Obama) politica e Internet vanno ormai a braccetto, qui da noi ci sono solo timidi tentativi e brutte figure. Per fortuna è arrivato Renzo Bossi a spiegarci quanto sia importante la rete per tutti noi.

    Solo qualche giorno fa il sindaco di Roma Alemanno si armava di telecamera e si lanciava in una ronda anti-prostituzione per le vie della capitale, spiegando il tutto come politica 2.0, ed ecco che poche ore dopo, al centro dello scherno generale, viene subito sostituito dal Trota, che riesce a fare anche peggio, e senza ronda.

    Il figlio del Senatur della Lega Nord è infatti intervenuto con un video-messaggio durante il convegno “Vecchia TV vs Nuova TV”, organizzato dal Co.re.com alla Casa del Cinema di Villa Borghese, esponendo con cristallina chiarezza il proprio pensiero su nuove tecnologie e social network. Video cult immediato.

    D’altra parte se il Trota si mette a parlare di cose del genere come fosse un grande esperto in materia tutti si aspetterebbero disquisizioni dotte sull’utilizzo politico del web e sulle nuove frontiere tecnologiche, e invece niente di tutto questo. Nel video integrale che potete vedere a fine articolo, il ragazzo si limita a dire che a lui piace Internet, prima di passare ai temi cari alla Lega.

    Ovvero, Facebook e Twitter sono due grandi invenzioni (lui stesso li usa, ma tiene a specificare che lo fa comunque “sempre improntandoli in ambito lavorativo“) però ai leghisti interessa ben altro: la valorizzazione delle realtà locali, il solito classico piccolo orticello in un mondo sempre più unito.

    Così, mentre il padre Umberto Bossi regala un dito medio ad un cantante che sta intonando l’inno di Mameli, il figlio si affanna a dire che la globalizzazione è bella ma comunque Internet può essere anche usato per ritornare alle radici della propria terra, che è poi l’unica cosa che conta davvero. Insomma, idee confuse, molto confuse in famiglia.

    Finora a dire il vero l’unico elemento positivo del rapporto Bossi-Internet sono le canzoni super-trash svelate su YouTube di un giovane Umberto tutto swing e depressione. Il Trota cercherà di superare le visualizzazioni del padre, e per il momento è a un buon punto. Ah, si, ovviamente i commenti che accompagnano i sei minuti di delirio sono tutti di derisione. E stavolta non si può proprio biasimarli.

    Foto AP/LaPresse

    450

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN NewsPolitica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI