Speciale Natale

Qualità della vita nelle città italiane 2013: Trento prima, Napoli ultima

Qualità della vita nelle città italiane 2013: Trento prima, Napoli ultima
da in News

    Dove si vive meglio in Italia? Quali sono le città che offrono più possibilità a livello professionale? A queste e ad altre domande risponde la classifica 2013 della qualità di vita nelle città italiane, realizzata come sempre da Il Sole 24 Ore. Un’analisi che prescinde da pregiudizi e fattori estemporanei per puntare tutto sulla concretezza dei dati statistici. I risultati, in ogni caso, presentano novità interessanti: se Trento conquista il primo posto in assoluto usurpandolo a Bolzano, Napoli al contrario crolla a sopresa all’ultimo posto, superando nella sua caduta anche Palermo e Reggio Calabria. Una lista destinata a suscitare aspre polemiche, e c’è già chi mette in dubbio l’approccio complessivo delle rilevazioni.

    Per stilare la classifica sono state presi in considerazione 36 fattori, inseriti in sei macro-aree che, nel loro complesso, dovrebbero offrire una fotografia realistica della vita in ogni singola città. I parametri in questione si occupano quindi di Tenore di vita, Affari e lavoro, Servizi ambiente e salute, Popolazione, Ordine pubblico e Tempo libero. Per ognuna di queste voci, le città sono state messe in fila dalla migliore alla peggiore; la media finale di tutte le posizioni ha poi stabilito vincenti e perdenti. Trento e Bolzano certificano la qualità della vita in Trentino Alto Adige, ma sono in risalita anche i grandi centri urbani di Milano (decima) e Roma (ventesima). Crolla Torino, scesa al 52esimo posto, ma è il Sud Italia a mostrare palesi segni di cedimento, piazzando nelle ultime cinque posizioni altrettante sue città: Caserta, Taranto, Reggio Calabria, Palermo e Napoli.

    Si tratta di un malessere che coinvolge il Mezzogiorno senza apparenti eccezioni, visto anche che per il 2013 gli ultimi venti gradini della graduatoria sono occupati da province siciliane, pugliesi, calabresi e campane. Al contrario Trento vince grazie alla bassa incidenza della disoccupazione (3,3%), all’afflusso continuo di turisti, alla bassa percentuale di reati come furti in casa o di auto, ma anche per le opportunità di business (start-up e presenza femminile in primis) e per la qualità dell’offerta per il tempo libero. Un’isola felice che non deve oscurare però Bolzano, da anni ormai ai vertici per qualità della vita. Al terzo posto trova spazio Bologna, seguita da Belluno e Siena. La top 10 delle migliori città è chiusa dalla cinquina formata da Ravenna, Firenze, Macerata, Aosta e Milano.

    390

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI